Percorsi ecclesiali

La Messa nelle comunità di rito ambrosiano

Sirio 15-21 febbraio 2024
Share

Liturgia

Dal 29 novembre in vigore il Rito della Messa per le comunità di rito ambrosiano

In attesa della nuova edizione del Messale ambrosiano, l’Arcivescovo l’ha approvato in funzione della nuova edizione di quello romano. In allegato la versione cantata del nuovo «Padre nostro»

di monsignor Fausto GILARDIResponsabile servizio di Pastorale liturgica

18 Ottobre 2020

La Congregazione per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti il 16 luglio 2019 con un decreto attestava che papa Francesco, in data 16 maggio, aveva concesso l’approvazione alla nuova edizione del Messale romano per le diocesi d’Italia.

Questa nuova edizione del Messale romano è stata dichiarata tipica per la lingua italiana e ufficiale per l’uso liturgico dalla Conferenza episcopale italiana l’8 settembre 2019. L’uso del nuovo Messale è consentito dalla sua pubblicazione mentre diventa obbligatorio dal 4 aprile 2021.

Il Servizio diocesano di pastorale liturgica ha programmato, in accordo con i Decani, un incontro di presentazione a sacerdoti e diaconi del nuovo Messale a Monza (17 novembre) e a Treviglio (3 novembre): le due città centrali per comunità che pregano con il rito romano.

Lo scopo non è solo quello, pur necessario, di mettere in evidenza i cambiamenti, ma di ritrovare nel Messale il libro per la celebrazione  e la comprensione del mistero celebrato. Comprendere, celebrare e vivere sono la modalità corretta per aprirsi alla novità, che non cancella la tradizione, ma la rende attuale attraverso un linguaggio e una ritualità più facilmente accessibili alla cultura odierna.

In sintonia con le diocesi lombarde che, a partire dalla prima domenica di Avvento secondo il rito romano, cominceranno a fare riferimento alla nuova edizione del Messale, anche la Chiesa ambrosiana il 29 novembre comincerà a utilizzare, per le parti comuni, la nuova traduzione.

Per questo l’Arcivescovo, in attesa della nuova edizione del Messale ambrosiano, ha approvato il “Rito della Messa per le Comunità di rito ambrosiano”. Il testo riporta l’ordo Missae e le preghiere eucaristiche con le modifiche apportate al Messale romano e comuni alla liturgia ambrosiana.

Il Motu Proprio “Magnum Principium” di Papa Francesco (3 settembre 2017) ha sottolineato la necessità di procedere a una revisione della traduzione con la preoccupazione di rendere «fedelmente il senso del testo originale», nella convinzione che la fedeltà non coincide con una mera letteralità formale, ma si esprime nel rispettare il senso del testo originale.

I criteri seguiti nella revisione della traduzione del rito della Messa sono: invariabilità delle risposte dei fedeli ai saluti e agli inviti alla preghiera da parte del sacerdote, correzione di alcuni testi in base alla nuova versione della Sacra Scrittura, ritocchi migliorativi in base all’esperienza  di questi quasi quaranta anni (1983) e in coerenza con scelte già operate per il rito del Matrimonio e delle Esequie.

Il volume del Rito in libreria dal 10 novembre

Il 4 aprile 2021, Pasqua del Signore, entra in vigore la terza edizione del Messale romano, che va a toccare in alcuni passaggi lo stesso Rito della messa con il popolo. Poiché questi mutamenti entreranno anche nell’edizione del Messale ambrosiano in preparazione, è parso bene anticipare anche per le comunità di Rito ambrosiano la pubblicazione del Rito della Messa con il popolo e l’Appendice con le preghiere eucaristiche della Riconciliazione e «per varie necessità» (Centro Ambrosiano, 136 pagine , 19 euro).
Tenendo conto della scelta assunta dai Vescovi della Conferenza episcopale lombarda, Il nuovo Rito della Messa diventerà obbligatorio per tutte le comunità di Rito ambrosiano a decorrere dal 29 novembre 2020, III domenica di Avvento ambrosiano. Il 29 novembre 2020, I domenica di Avvento romano, per le comunità in cui si celebra il culto divino secondo il Rito romano nell’Arcidiocesi di Milano verrà adottata la terza edizione del Messale romano.
Il nuovo volume del Rito della Messa, che sostituirà le corrispettive parti del Messale ambrosiano vigente, sarà disponibile a partire da martedì 10 novembre presso la Libreria dell’Arcivescovado e presso tutte le librerie cattoliche, è già possibile prenotarlo rivolgendosi a Itl (tel. 02.67131639; libri@chiesadimilano.it).

Leggi anche

Intervista
nuovomessale

Antonelli: «Nuovo Messale, aggiornamento in linea col Concilio»

Il Vicario sulle novità in vigore dal 29 novembre: «Creativa fedeltà alla tradizione e “nobile semplicità” dei testi: queste erano già indicazioni del Vaticano II. Gesti, parole, silenzi e canti devono coinvolgere tutti nella celebrazione dell’Eucaristia»

di Annamaria BRACCINI

Liturgia
DSC_4938

Magnoli: «Ecco cosa cambia nel Rito della Messa dal 29 novembre»

Il segretario della Congregazione del Rito ambrosiano illustra i mutamenti più significativi: l’introduzione della formula «fratelli e sorelle» e le variazioni nei testi del «Gloria», del «Padre nostro» e delle Preghiere eucaristiche

di Annamaria Braccini

Dal 29 novembre
canto pade nostro

Così canteremo il «Padre nostro»

Don Riccardo Miolo, collaboratore del Servizio di Pastorale liturgica, spiega gli interventi sulla versione cantata della preghiera legati all’entrata in vigore del nuovo Messale. Dall’Immacolata anche un nuovo canto del «Gloria»

di Annamaria BRACCINI

preghiera

Cantiamo il nuovo Padre Nostro

In attesa della prossima edizione del Messale ambrosiano, prevista per il prossimo anno, dal 29 novembre si reciterà il Padre Nostro nella nuova traduzione della Conferenza episcopale italiana. Lo ascoltiamo nella versione cantata.