Sirio 18-24 settembre 2023
Share

2 febbraio

Consacrati, testimoni nel tempo del Regno che viene

Nella Giornata mondiale la Chiesa ambrosiana rende grazie a Dio per questo dono nella celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo alle 17.30 in Duomo

2 Febbraio 2020

di monsignor Luigi STUCCHI e monsignor Paolo MARTINELLI
Vicari episcopali per la Vita consacrata

La XXIV Giornata mondiale della vita consacrata che si celebra domenica 2 febbraio in occasione della Festa della presentazione del Signore è un’occasione propizia per ricordare il senso di questa vocazione particolare nella Chiesa. In realtà non si tratta semplicemente di evidenziare la bellezza di questa forma di vita cristiana, caratterizzata dalla professione dei consigli evangelici, ma di ricordare il senso che essa possiede per tutta la Chiesa e per la società. Il nostro Arcivescovo ha ricordato nella sua Proposta pastorale di quest’anno che le persone consacrate sono «testimoni del Regno che viene». Questo vuol dire che il loro valore non sta in quello che fanno, ma in ciò che sono: segno della meta buona per cui Dio ha voluto la vita di ciascuno. Non c’è bisogno più grande nella società di oggi che indicare il senso ultimo dell’esistenza. Infatti il rischio più grande del nostro tempo è la sofferenza di una vita che non trova uno scopo.

Quando pensiamo alla vita consacrata nella diocesi ambrosiana vengono alla mente tanti carismi e tante forme diverse, come «un albero che si ramifica in modi mirabili e molteplici nel campo del Signore a partire da un germe seminato da Dio» (Lumen Gentium, 43). Le persone consacrate sono segno del regno di Dio che viene non in astratto, ma attraverso il loro modo di vivere, in castità, povertà e obbedienza, a imitazione dell’umanità di Gesù. La nostra Chiesa ambrosiana è abitata da migliaia di persone consacrate a Dio, appartenenti a istituti antichi e nuovi. Le troviamo nei monasteri e nei conventi, nelle parrocchie. Tanti lavorano nel mondo della scuola, negli ospedali, sono impegnati nelle opere di carità, in aiuto ai poveri e agli immigrati; animano centri culturali e di spiritualità, offrono scuole di preghiera. Esistono poi forme laicali di consacrazione: persone che vivono immerse nelle condizioni comuni, fianco a fianco di ogni uomo. Modi diversi, una pluriformità nell’unità, per offrire a tutti la testimonianza del primato di Dio, del suo regno che Cristo ha portato con il dono della sua persona. Una novità di questi anni è poi la crescente presenza di persone consacrate provenienti da altri Paesi, come profezia di quella «Chiesa dalle genti» che sta silenziosamente crescendo tra le nostre case.

In tutto ciò si vede la fantasia dello Spirito Santo che agisce nella Chiesa; la vita consacrata ha il compito di custodire e promuovere la dimensione carismatica della Chiesa, poiché «lo Spirito Santo non si limita a santificare e a guidare il popolo di Dio per mezzo dei sacramenti e dei ministeri», ma «distribuendo a ciascuno i propri doni come piace a lui» (1 Cor 12,11), dispensa pure tra i fedeli di ogni ordine grazie speciali, con le quali li rende adatti e pronti ad assumersi vari incarichi e uffici utili al rinnovamento (Lumen Gentium 12).

Certo, non mancano le difficoltà (diminuzione delle vocazioni, ripensamento delle proprie opere, ridistribuzione nel territorio); anche la vita consacrata deve fare i conti con il “cambiamento di epoca”. Ma, come ci ha ricordato il nostro Arcivescovo, anche questa “situazione” è “occasione” favorevole per mostrare la potenza della grazia di Dio anche nella nostra debolezza. Nella vita rimane solo quello che cresce, in una “fedeltà creativa”. Infatti, il carisma della vita consacrata non è un «pezzo da museo» da conservare (papa Francesco), ma «vita secondo lo Spirito»; è provocazione a rispondere all’amore di Dio qui e ora; il Quale porta sempre a compimento quello che ha iniziato in ciascuno, fino al giorno di Cristo Gesù (Fil 1,6).

Leggi anche

Milano
messa vita consacrata E

Vita consacrata: «Siate un cantico e una benedizione per tutti coloro che vi incontrano»

Nella XXIV Giornata Mondiale della Vita consacrata, l’Arcivescovo ha presieduto in Duomo la tradizionale Celebrazione eucaristica. «La storia della Chiesa ambrosiana deve molto a tante persone consacrate che, con la loro operosità, santità e carità, hanno lasciato una traccia profonda»

di Annamaria Braccini

Testimonianza
Padre Luca Zanchi

Il parroco: «Speranza su un futuro incerto»

Padre Luca Zanchi: «Siamo chiamati a essere presenza profetica e consolante dell’amore di Dio. La presenza di tanti consacrati e consacrate giunti da ogni parte del mondo può essere un’iniezione di vigore spirituale e umano»

di padre Luca ZANCHISacramentino, parroco a Sant’Angela Merici - Milano

Testimonianza
Suor Elsy Torres

La suora: «Dal Messico alla Chiesa dalle genti»

Elsy Torres: «Nel Sinodo minore è emersa una profezia: occorre lasciare che la Vita consacrata venuta dall’estero si esprima nelle diverse realtà della Diocesi»

di Elsy TORRESMissionaria del Sacro Cuore di Gesù

Testimonianza
Suor Maristella dell’Annunciazione

In clausura: «Il monastero, una luce gentile nel cuore della città»

Suor Maristella dell’Annunciazione: «Ad alcuni il Signore chiede di indicare la sua presenza in silenzio. E noi lo serviamo in umile obbedienza alla sua volontà»

di Suor Maristella dell’Annunciazione Priora del monastero San Benedetto - Milano

Testimonianza
Fratel Luca Fallica

Il monaco: «Chiamati a sostenere l’attesa di Cristo»

Fratel Luca Fallica: «La vita monastica desidera saper aprire le braccia in atteggiamento ospitale, per accogliere sia il Signore che viene, sia quanti cercano senso e orientamento per la loro vita»

di fratel Luca FALLICAPriore della Comunità monastica Ss. Trinità di Dumenza

Testimonianza
istituti-secolari-2018_AMCU

I secolari, immersi nel mondo come sale e lievito

Una consacrazione non facile da comprendere, che richiede maturità e responsabilità di persone adulte nella fede e capaci di incarnarla nelle più disparate realtà

di M.M. Membro di un Istituto secolare della Diocesi di Milano

Per la liturgia
church-750250_960_720-e1491919863170

La Candelora in giorno di domenica

Quest'anno la festività della Presentazione al Tempio di Gesù ricorre di domenica assumendo liturgicamente un significato ancora più intenso. Pubblichiamo alcuni utili sussidi liturgico-musicali per l'animazione delle celebrazioni