Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Testimonianza

Il parroco: «Speranza su un futuro incerto»

Padre Luca Zanchi: «Siamo chiamati a essere presenza profetica e consolante dell’amore di Dio. La presenza di tanti consacrati e consacrate giunti da ogni parte del mondo può essere un’iniezione di vigore spirituale e umano»

di padre Luca ZANCHISacramentino, parroco a Sant’Angela Merici - Milano

26 Gennaio 2020
Padre Luca Zanchi

«Una grazia incomparabile che la nostra Chiesa ha ricevuto e che ha molto fruttificato nei decenni passati è la Vita consacrata nelle sue varie forme». Così l’Arcivescovo scrive nella lettera pastorale alla Chiesa ambrosiana per l’anno 2019/2020. Una grazia incomparabile… Anche in questo momento storico e umano in cui come consacrati ci confrontiamo con tanti tipi di fatica: grandi strutture difficili da gestire, vocazioni in calo vertiginoso, volontà illuminate dalla luce dello Spirito ma spesso frenate dalla paura di osare e di andare oltre…

Spesso ci si domanda: ma è tempo di rimanere o tempo di andare, e poi andare dove? Dove vuole Dio, dove ci attendono gli uomini e le donne del nostro tempo assetati di verità, cercatori di un senso che hanno smarrito rincorrendo ideali appariscenti, ma poveri di significato e di contenuti. È una sfida quella che ci attende, un futuro nuovo ma non diverso, dove siamo gli stessi, ma dove siamo più motivati.

Papa Francesco direbbe: «La Vita consacrata non è giocare al ribasso e non è sopravvivenza, ma è vita nuova» (2 febbraio 2019). Questa vita nuova è favorita anche dallo scambio culturale ed esperienziale che stanno portando tanti consacrati e consacrate che vengono da ogni parte del mondo, e può essere uno stimolo, un’iniezione di vigore spirituale e umano che getta nuova speranza su un futuro che sembra a volte in balìa dell’incerto, ma se «Dio è con noi, chi e cosa sarà contro di noi?» (Rm 8,31).

Questa vita nuova necessita anche di una «conversione personale e di pensiero», circa quello che si sa della Vita consacrata. Eh sì, dobbiamo dirci con franca onestà che l’interpretazione più diffusa, anche all’interno delle comunità cristiane e nell’orizzonte conoscitivo di tanti uomini e donne di oggi, evocava e ancora a tratti evoca più una visione funzionalistica che ontologica della Vita consacrata. Spesso, quando la gente incontra dei consacrati, chiede: cosa fate? E invece qualche volta sarebbe bello sentirsi chiedere: chi siete? Chi siamo? Siamo uomini e donne scelti e chiamati a essere presenza profetica e consolante dell’amore di Dio, soprattutto con la testimonianza, con la nostra preghiera e le diverse forme di Vita consacrata «antiche» e «nuove». Diverse? Si ma solo per specifica missione, e poi tutti uguali perché crediamo e annunciamo l’unico amore di Dio che in Gesù si è fatto attenzione, premura, ascolto, accompagnamento, carità.

Credo che oggi noi consacrati dobbiamo vivere con umile e decisa audacia guardando al futuro in atteggiamento di ascolto dello Spirito, per essere profeti di speranza e provocando con la nostra vita la risposta, l’«eccomi» di altre vite che si mettano a servizio di Dio per il bene della Chiesa.

 

Leggi anche

Milano
messa vita consacrata E

Vita consacrata: «Siate un cantico e una benedizione per tutti coloro che vi incontrano»

Nella XXIV Giornata Mondiale della Vita consacrata, l’Arcivescovo ha presieduto in Duomo la tradizionale Celebrazione eucaristica. «La storia della Chiesa ambrosiana deve molto a tante persone consacrate che, con la loro operosità, santità e carità, hanno lasciato una traccia profonda»

di Annamaria Braccini