4950 - per_appuntamenti
Redazione Diocesi

Sono molto onorato di poter porgere il mio saluto a tutti i partecipanti a quest’incontro mondiale, che ha come tema “Religioni e culture: il coraggio di un nuovo umanesimo”.

Esprimo il mio più profondo rispetto e ringraziamento a tutti coloro che hanno ereditato lo spirito di Papa Giovanni Paolo II, espresso in occasione dell’incontro mondiale per la pace, tenutosi ad Assisi nel 1986, e che avendo un obiettivo comune, si sono impegnati insieme e hanno continuato a camminare la strada per la pace per tutti questi lunghi anni.

In questo momento noi stiamo vivendo un momento molto difficile. I cuori pieni di egoismo e dell’idea del diritto del più forte portano alla lotta per il trono, per ottenere i diritti, causano i conflitti e molte tragedie. Inoltre l’esclusivismo, la diffidenza, il continuo odio e desiderio di vendetta, non fanno altro che portare ad un mondo di tenebre, dove non esistono più le leggi e dove una moltitudine di persone si lamenta e soffre.

Proprio come il Giappone, dopo l’esperienza delle bombe atomiche di Hiroshima e di Nagasaki, mantiene al suo interno un equilibrio basato sulle leggi, anche noi religiosi giapponesi sognamo la realizzazione di un nuovo equilibrio mondiale basato sulle leggi.

Allo stesso tempo, la realizzazione di un futuro dove coesistono popoli diversi, culture diverse e lingue diverse è possibile solo con il reciproco rispetto e comprensione delle culture altrui.
Inoltre, affinché l’umanità possa superare il muro della lingua e che tutti diventino fratelli e sorelle, credo che sia importante l’utilizzo, oltre alla propria lingua, dell’esperanto, proprio per una maggiore comprensione.

Il nuovo umanesimo ha come base il ristabilimento del rapporto tra Dio e l’uomo.

Prego affinché questo nostro incontro, che ha come tema “Religioni e culture: il coraggio di un nuovo umanesimo”, possa sconfiggere l’egoismo degli uomini ; che il dialogo, la collaborazione, la solidarietà tra i rappresentanti religiosi di tutto il mondo, volti alla realizzazione di un mondo di coesistenta, si rafforzino ancor di più e che questo incontro possa portare dei risultati fruttuosi e storici per un’era piena di speranza per l’umanità.
Grazie per l’ascolto.
Yasumi Hirose
Presidente Oomoto, Giappone
Biografia

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi