Es 29,38-46; Sal 95; Rm 12,1-2; Gv 4,23-26 I veri adoratori adoreranno il Padre in Spirito e verità. (Gv 4) L’apostolo Paolo dice che tutta la vita del cristiano deve essere come un sacrificio a Dio, ben più prezioso di quelli consumati nei tempi passati con animali, ma deve essere una vita secondo lo Spirito. E ciò vuol essere invito a riconoscere Dio nella quotidiana storia della propria esistenza, e a lui rivolgere il proprio intendimento: vivere ed operare per il Signore, essere strumento della sua volontà per il bene di tutti. Questo è il sacrificio gradito a Dio. Anche a Mosè Dio impone un certo codice di comportamento e dà il vero significato del sacrificio: non sono cose che feriscono la persona, ma gesti che sono orientati ad onorare Dio che, da parte sua, promette di abitare in mezzo al suo popolo e di essere il suo Dio. Gesù completa poi la rivelazione di Dio stesso, che è Padre e vuole che lo si adori in spirito e verità, seguendo l’esempio che lui stesso ci offre: agire nella verità, onorare il Padre, amare il prossimo fino al sacrificio di sè. Preghiamo col Salmo Tutti gli dei dei popoli sono un nulla, il Signore invece ha fatto i cieli. Maestà e onore sono davanti a lui, forza e splendore nel suo santuario.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi