Dt 18,1-8; Sal 15(16); Lc 7,24b-35 “…Ma il più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui”. (Lc 7,28) C’è un profeta nel deserto che battezza (cioè fa immergere) nell’acqua. Che dite, andiamo a vederlo? Gesù rimprovera le folle per questo atteggiamento. Giovanni non stava nel deserto perchè qualcuno andasse a vederlo, bensì per farci compiere qualcosa: cioè passare attraverso l’acqua. Come prima della creazione, come nel diluvio, come al Mar Rosso, come all’entrata nella terra promessa . Essere battezzati (immersi in acqua) è morte in vista di una vita, per una nuova vita. Al rompersi delle acque il feto cessa di essere tale e viene al mondo un uomo. Dal corpo squarciato di Cristo esce sangue ed acqua, proprio come in un parto, e difatti Cristo “partorisce” la Chiesa. Prima della venuta del Cristo,Giovanni ci fa passare attraverso il riassunto di tutta la storia della salvezza. C’è una morte e una rinascita, entrambe necessarie. La Chiesa riconoscerà come azione efficace di Dio(sacramento) ciò che in Giovanni era solo simbolo. Da quel Battesimo noi diventiamo “capaci” di piangere e danzare al suono della musica del Dio crocefisso. Preghiamo Il Signore è mia parte di eredità e mio calice: nelle tue mani è la mia vita. Per me la sorte è caduta su luoghi deliziosi: la mia eredità è stupenda. (dal salmo 138) [La Parola ogni giorno – Comunione inseparabile con il Signore. Luogo del nostro riposo – Settimane dopo Pentecoste 2010 – Centro Ambrosiano]

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi