Gc 4,1-10; Sal 61; Lc 20,1-8 Chi vuole essere amico del mondo si rende nemico di Dio. (Gc 4) Le liti nella comunità cristiana hanno origine nella bramosia di potere e nell’invidia. Ciò che il mondo ambisce, forza, successo, dominio, impedisce di entrare nell’economia evangelica della carità e della mitezza. Non si può dunque servire il mondo e pensare di essere amici di Dio. L’apostolo Giacomo, con chiarezza e decisione riafferma quanto la Scrittura ha sempre detto: Dio è geloso delle sue creature e non gradisce che esse siano irretite dai malvagi e dai cammini di iniquità. Bisogna riprendere il senso vero della nostra vita chiedendo a Dio di sostenerci e di aiutarci. "Uomini dall’animo indeciso, santificate i vostri cuori". Nessuna azione umana potrà comunque impedire la gloria piena del Signore, anche le pietre la grideranno. Preghiamo col Salmo Pietò di me, o Dio, nel tuo amore; nella tua grande misericordia cancella la mia iniquità. Lavami tutto dalla mia colpa, dal mio peccato rendimi puro.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi