Milano, 8 giugno 2021 – «La scuola può essere luogo di guarigione se diventa una comunità. Non un servizio da utilizzare, non una struttura che deve funzionare: è anzitutto un contesto che deve propiziare la liberazione, per trasformare il bozzolo in farfalla».

Lo ha detto oggi l’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, durante la Messa per la fine dell’anno scolastico che ha presieduto in Duomo.

«Dobbiamo essere grati a quanti hanno offerto questo invito a volare nelle nostre scuole in questi mesi così difficili: dirigenti, docenti, personale amministrativo, personale ausiliario hanno attraversato questi mesi -ha continuato l’Arcivescovo -. Talora la preoccupazione per l’osservanza dei protocolli è stata così persuasiva che ha assorbito tutte le energie. Ma la scuola è chiamata ancora a rispondere alla sua vocazione a far crescere le persone, ad abilitare alle relazioni, ad aprire orizzonti».

L’omelia integrale.

Stefano Femminis
Responsabile Ufficio Comunicazioni sociali
Arcidiocesi di Milano

Ti potrebbero interessare anche: