Non potremo riempire il Duomo come il 31 gennaio scorso nella Messa per gli oratori, ma potremo lo stesso vivere attorno all'altare una profonda comunione che ci permetterà di radunarci ancora "tutti insieme" nel celebrare l'eucaristia. Ci diamo appuntamento fra un mese, venerdì 29 gennaio 2021: celebreremo la santità adolescente che abbiamo ammirato nel beato Carlo Acutis, in tutte le chiese in cui potremo riunirci. Così le comunità della Diocesi, in cui questo ragazzo "santo" è nato e ha vissuto, potranno ringraziare per il dono della fede che cresce in tanti ragazzi e ancora una volta scegliere di dedicarsi con tutte le forze al servizio educativo verso le giovani generazioni.


IMG_20201010_182211

29 gennaio 2021
Il giorno del beato Carlo Acutis

Lo abbiamo festeggiato il giorno della sua beatificazione ad Assisi il 10 ottobre scorso. Invitiamo ora a celebrare il beato Carlo Acutis in tutte le comunità della Diocesi, in una messa “votiva” in sua memoria, venerdì 29 gennaio 2021, per lasciarci ancora sorprendere dalla “santità adolescente” di questo ragazzo di Milano che sta lasciando il segno della sua testimonianza in tutto il mondo.

Gli oratori della nostra Diocesi potranno così trovare un momento simbolico, condiviso da tutti, quasi al termine della Settimana dell’educazione e poco prima di celebrare la Festa della Famiglia.

Si invitano i coordinatori degli oratori a stabilire un orario opportuno in cui sia possibile invitare alla celebrazione eucaristica soprattutto i preadolescenti e/o gli adolescenti, insieme ai loro educatori e valutare se estendere l’invito a tutte le persone che operano in oratorio, dalle catechiste ai volontari, ecc.

 

Grazie alla collaborazione con il Servizio per la liturgia, metteremo a disposizione i testi “propri” della messa votiva del beato Carlo Acutis (www.chiesadimilano.it/pgfom).

 

Potremo condividere le immagini della celebrazione su Instagram con l’hashtag #carloacutis, testimoniando la comunione che stiamo vivendo nella Diocesi.

 

Ti potrebbero interessare anche: