Sirio 20 -25 maggio 2024
Share

Milano

Suicidi in carcere, servono interventi urgenti

Giovedì 18 aprile alle 12 raduno al Palazzo di giustizia promosso dal Garante dei Diritti delle persone private della libertà personale, che leggerà i nomi delle vittime. L’appello della Conferenza nazionale dei garanti

16 Aprile 2024

Ricordare le morti per suicidio nelle carceri italiane. È questo l’obiettivo del raduno promosso dal Garante dei Diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Milano, Francesco Maisto, per giovedì 18 aprile alle 12 di fronte alla scalinata del Palazzo di giustizia di Milano, in corso di Porta Vittoria 15. Verranno letti i nomi delle persone che si sono suicidate in carcere nel 2024 e ricordati anche gli agenti di Polizia penitenziaria che si sono tolti la vita in questi mesi.

L’incontro è aperto a tutti: avvocati, operatori penitenziari, volontari, sindacati del personale dell’amministrazione penitenziaria, associazioni, rappresentanti istituzionali e cittadini. L’iniziativa si svolgerà in contemporanea in molte città italiane sede di carcere

Sul tema si era espresso circa un mese fa anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. «Sui suicidi in carcere servono interventi urgenti», erano state le parole del Capo dello Stato, come ricorda anche l’appello della Conferenza nazionale dei garanti territoriali. «Ormai non si fa più in tempo a enumerare i casi di suicidio che si è subito costretti ad aggiornarne l’agghiacciante elenco. È uno stillicidio insopportabile, al pari della sensazione di inadeguatezza delle attività di prevenzione.  La maggioranza dei detenuti vive per oltre 20 ore al giorno in celle sovraffollate, dalle quali esce solo nelle cosiddette “ore d’aria”. Questo rappresenta, senza dubbio, una patente violazione dei principi e delle garanzie riconosciute dalla nostra Carta costituzionale e dall’Ordinamento penitenziario».

«Tale situazione – prosegue l’appello – non è insuperabile. È necessario riempire di senso il tempo della detenzione, offrendo più attività “trattamentali” (culturali, lavorative, sportive e ricreative). Le relazioni familiari e col volontariato devono essere potenziate anche con l’aumento dei colloqui, delle telefonate, delle videochiamate. Si sottolinea, altresì, l’assoluta necessità di personale specializzato (psicologi, educatori, psichiatri, pedagogisti, assistenti sociali, mediatori linguistici) che dia ascolto ai detenuti e ne riesca a cogliere le ragioni di intollerabile sofferenza. È necessario un maggior numero di misure alternative alla detenzione rendendo efficiente ed efficace la giurisdizione di sorveglianza, anche destinando maggiori risorse. In effetti, sono diverse migliaia i detenuti con una condanna definitiva inferiore o pari a tre anni di reclusione. Chiediamo, dunque, a tutti i parlamentari norme specifiche e urgenti, e al ministro di Giustizia provvedimenti concreti in tempi rapidi, in aderenza con le parole del Presidente della Repubblica che ha sollecitato “interventi urgenti, anche per tamponare l’emergenza”. Così come sollecitiamo i parlamentari (nazionali ed europei), i consiglieri regionali e comunali e gli stessi magistrati di sorveglianza a visitare le carceri con maggiore continuità e frequenza, perché, anche oggi – come scriveva nel 1949 Piero Calamandrei – “bisogna vederle, bisogna esserci stati, per rendersene conto”».

«I suicidi – conclude l’appello – sono difatti il prodotto della lontananza della politica e della società civile dal carcere. Sin d’ora siamo disponibili a incontri con il ministro della Giustizia, le commissioni giustizia di Camera e Senato e l’Amministrazione penitenziaria per dare il nostro contributo di scienza ed esperienza alla risoluzione delle gravi problematiche che affliggono il carcere, le persone detenute e coloro che ci lavorano quotidianamente».

Info: tel. 02.884.50353 (segreteria); garante.diritti@comune.milano.it.

Leggi anche

Esperienze
_SPE2399

«Oltre il carcere», fragilità che si incontrano

Il 15 aprile a Rho serata dedicata al progetto che ha messo a confronto detenuti di Opera e pazienti affetti da disturbi psichiatrici seguiti dalla Fondazione Sacra Famiglia. Interviene l’ex magistrato Gherardo Colombo

di Claudio URBANO

Carcere
carcere

Celle chiuse: soluzione sbagliata, che aggrava i problemi

I cappellani e le religiose operanti negli istituti penitenziari lombardi prendono posizione sulla recente circolare che limita a tre sole fattispecie la possibilità di uscire dalle celle per i detenuti in media sicurezza

Il caso
CARCERI. I DETENUTI SCIOPERANO IN TUTTA ITALIA

Burgio: «La sofferenza psichica è un’emergenza nelle carceri»

Secondo il cappellano del Beccaria, il suicidio del trapper Jordan Jeffrey Baby nel carcere di Pavia testimonia ancora una volta quanto il sistema penitenziario sia in sofferenza e come la giustizia sia tremendamente lontana dai drammi dei detenuti

di Stefania CECCHETTI

Bilancio
FOTO REPERTORIO DI CARCERI PER VOTO SU INDULTO

Un 2023 nero, carceri al collasso

Solo per restare nel territorio della Diocesi, com’è possibile stipare 422 persone dove ce ne starebbero solo 240 (Busto Arsizio) e 710 nello spazio previsto per 411 (Monza)?

di Andrea MOLTENIArea Carcere di Caritas Ambrosiana

Messaggio
53097306873_3b409f450f_o (1)

I cappellani delle carceri ai giovani della Gmg: «Siate i costruttori di un mondo nuovo e più fraterno»

L’ispettore generale don Raffaele Grimaldi: «Non abbiate paura di portare in luoghi bui, isolati ed emarginati, le vostre parole cariche di speranza»

di Agensir

Riflessione
carcere

La violenza nelle carceri, rileggendo Martini

I gravi episodi di Santa Maria Capua Vetere riaccendono l’attenzione su una realtà spesso rimossa dal sentire comune, come già denunciava il Cardinale che invece ne faceva un tema centrale del suo pensiero, tra Scrittura e Legge. Un mondo ben documentato dalla mostra fotografica di Margherita Lazzati aperta alla Società Umanitaria

di Franco Monaco

Progetto
carcere san vittore

Diocesi e Caritas contro il sovraffollamento delle carceri

Primi 20 posti in altre strutture destinati a quanti possono scontare gli ultimi 24 mesi di detenzione all’esterno e sono sprovvisti di un domicilio. Gualzetti: «La situazione dei penitenziari rischia di diventare, l’esecuzione esterna della pena è la soluzione»