Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/preti-novelli-parola-dordine-creativita-2807107.html
Share

«Il Segno»

Preti novelli, parola d’ordine «creatività»

Fantasia e libertà nell’osare senza essere preti-trottola: sul numero di giugno del mensile diocesano parlano i giovani che sabato 8 inizieranno il loro percorso pastorale

4 Giugno 2024

Da Il Segno di giugno

L’8 giugno in Duomo saranno ordinati sacerdoti 17 diaconi (erano 15 nel 2023 e 22 nel 2022). Un traguardo raggiunto dopo oltre sei anni di formazione teologica nel Seminario di Venegono e vari tirocini pastorali. I novelli preti, tra i 24 e i 37 anni, provengono tutti dalla Diocesi, tranne uno, originario del Nicaragua,.

Il 20 giugno, in Curia, riceveranno poi dall’arcivescovo Delpini le rispettive destinazioni e saranno impegnati nella Pastorale giovanile, come tradizione per i nuovi preti, ma affiancati fino a settembre, nel loro primo incarico pastorale, dal sacerdote che li ha preceduti per una sorta di passaggio di consegne ed esperienze.

Hanno raccontato a Il Segno quali sono le loro aspettative per l’imminente lavoro, fra parrocchie sempre più vuote e tante responsabilità da assumere a fronte del calo di preti anche nell’Arcidiocesi ambrosiana. La risposta dei futuri preti è stata univoca: coniugare preghiera e creatività nella nuova missione che li attende, usare la fantasia e proporre esperienze ecclesiali meno rigide che in passato.

«Nella gente resta viva la domanda di senso, sta a noi trovare le strategie giuste – dicono -. Ci sono meno fedeli, ma anche più persone disposte a fare una vera esperienza di fede, se la proposta risulta bella. Quindi possiamo sicuramente essere creativi e liberi di osare». Esprimono però «preoccupazioni sul numero di parrocchie che potranno esserci affidate e il timore di fare il “prete trottola”».

Continuano: «Prima la gente andava in chiesa per dovere; oggi la scarsa partecipazione ci provoca, ci obbliga a impegnarci per trasmettere e far crescere la fede. Non siamo più schiavi di alcune strutture parrocchiali o diocesane che incasellavano l’evangelizzazione, adesso molto è lasciato alla nostra fantasia, al trovare la strategia giusta e metterla al posto giusto».

Un buon punto da cui cominciare ad annunciare il Vangelo è la testimonianza personale, non solo davanti ai credenti: a una persona atea o lontana dalla fede «motiverei la mia decisione di diventare sacerdote con parole molto semplici» – racconta uno di loro – «È una scelta d’amore. Chi me lo fa fare? Mi sono innamorato del Signore – il tutto della mia vita -, della Chiesa, della gente e alla fine ho risposto a questa chiamata all’amore, in cui vedevo la mia felicità e la mia pienezza. L’amore spinge a fare qualsiasi scelta, succede anche a un ateo».

Abbonati al mensile e leggi l’articolo completo

Leggi anche

Ministero
candidati 2024

Preti 2024, alla sequela dell’«amico» Gesù

Un versetto del Vangelo di Giovanni accompagna i 17 diaconi che l’8 giugno alle 9 saranno ordinati presbiteri dall’Arcivescovo in Duomo (diretta tv e web). Il loro padre spirituale don Luca Andreini: «L’augurio è che siano cristiani felici, quindi sacerdoti felici»

di Ylenia SPINELLI

Enrico Castagna

Preti nel terzo millennio? Uomini di comunione in un mondo in evoluzione

Diventare sacerdoti, una scelta di vita radicale che spiazza anche oggi. Un ministero che è profondamente cambiato rispetto a 10 anni fa'. Come si riconosce la vocazione a diventare prete? Quale la formazione in Seminario e fuori?  Ne parliamo con don Enrico Castagna, Rettore del Seminario di Milano

Italia, Lombardia, Milano. Duomo. Ordinazioni Presbiterali.

Preti 2024, i nomi e i volti

Ecco i 17 diaconi che l’Arcivescovo ordinerà sabato 8 giugno nel Duomo di Milano