Pubblichiamo in allegato gli estratti dei sussidi predisposti per celebrazioni domestiche nel rito ambrosiano e in quello romano. Le indicazioni generali per il loro utilizzo

I_domenica

Per la preghiera in famiglia nella prima domenica di Quaresima (21 febbraio), pubblichiamo in allegato gli estratti dei sussidi per celebrazioni familiari in rito ambrosiano e in rito romano nel tempo che prepara alla Pasqua. Il sussidio Che meraviglia! (rito ambrosiano) è nato dalla collaborazione tra diversi Servizi diocesani del Vicariato per l’Educazione e la Celebrazione della fede, a partire da alcuni testi del sussidio di preghiera dell’Acr Occhi aperti: che notizia!. Il sussidio Quale gioia è stare con te, Gesù! (rito romano) è nato invece dalla collaborazione tra alcune comunità parrocchiali e il Servizio diocesano per la Pastorale liturgica.

Questi sussidi non sostituiscono la liturgia eucaristica, ma scaturiscono da essa (riprendendone parole, gesti, simboli), la prolungano (dando risonanza a qualche momento particolare) e a essa rimandano. La celebrazione può essere vissuta la domenica come prolungamento della Messa. In alternativa si possono vivere questi “riti familiari” anche un giorno all’inizio della settimana, per riprendere e riflettere sul Vangelo della domenica.

Per entrambi i riti sono proposti due schemi di preghiera.
Il primo per una famiglia con bambini piccoli, ragazzi in età dell’iniziazione cristiana o preadolescenti. È caratterizzato dalla presenza di un gesto per ogni celebrazione ed è strettamente legato ai Vangeli delle domeniche di Quaresima. Per favorire la partecipazione dei bambini più piccoli e di persone con disabilità intellettive è stato inserito un link che rimanda a testi del Vangelo e a commenti semplificati, accompagnati da alcune immagini più adatte per loro. Per quanto riguarda la disabilità intellettiva, che si dispiega su numerosi livelli, non tutto potrà andare bene a tutti: per alcuni il linguaggio risulterà eccessivamente semplice, per altri, al contrario, potrà apparire ancora troppo difficile e complicato. Per questo sarà sempre fondamentale la mediazione sapiente dei familiari.
Il secondo è destinato a una famiglia costituita dai soli coniugi, a una famiglia con figli più grandi rispetto allo schema precedente, oppure a persone singole.

Per il solo rito romano è proposto anche un terzo schema (disponibile qui), pensato per famiglie con figli in età prescolare (0-6 anni), con un disegno da colorare per ogni celebrazione, semplici frasi da ripetere assieme e un breve commento al Vangelo.

Per questi momenti di preghiera si consiglia di dedicare un “angolo” particolare della casa, predisponendo qualche piccolo segno (una croce, un’icona, una Bibbia, un cero…) per renderlo bello e accogliente. In particolare per la celebrazione con i bambini e ragazzi la Fom mette a disposizione la Croce dello stupore, pensata per essere inserita (con un piedistallo che la sorregge) nell’angolo della preghiera. Ogni settimana delle “pietre” indicano il gesto suggerito nella celebrazione in famiglia. I ragazzi e le ragazze potranno scoprire questo gesto togliendo la patina argentata dalla “pietra” e collocandola vicino al Crocifisso. Dietro le “pietre” vengono riportate le preghiere che saranno pronunciate durante la preghiera in famiglia.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi