Partita l’iniziativa ideata dal Servizio diocesano per l’Oratorio e lo sport in collaborazione con Briantea84, con il supporto di Fom e Csi Milano

r0_tml1136742348545_362334672085_1544900296507201

Da lunedì 7 gennaio partono gli incontri di #nonsilimitailtalento, il progetto della Sezione Sport del Servizio per l’Oratorio e lo Sport dell’Arcidiocesi di Milano costruito in stretta collaborazione con Briantea84, società sportiva che promuove il basket in carrozzina a livello nazionale ed europeo, con il supporto di Fom (Fondazione diocesana per gli oratori milanesi) e il Comitato di Milano del Csi (Centro Sportivo Italiano).

Un viaggio in 10 tappe alla scoperta del mondo dello sport paralimpico e dei suoi protagonisti che vede i campioni d’Italia della UnipolSai Briantea84 incontrare circa 1500 persone tra giovani, adolescenti, educatori e genitori. Saranno sette le realtà parrocchiali coinvolte nel mese di gennaio, sedi di incontri multipli rivolti non solo agli adolescenti e preadolescenti, ma anche agli educatori e in alcuni casi anche ai genitori. Nelle prossime settimane i campioni del basket in carrozzina visiteranno gli oratori Sacro Cuore (7/01) e Santa Lucia (16/01) di Milano, l’oratorio di Segrate (9/01), l’oratorio San Martino di Bollate (21/01), l’oratorio San Giuliano Martire di San Giuliano Milanese (21/01), l’oratorio Don Bosco di Carugate (23/01) e l’oratorio Santo Stefano di Lentate Sul Seveso (23/01).

Un mese intenso che culminerà nel grande evento dei Preliminari di Champions League IWBF (1-2 febbraio), appuntamento cruciale nel calendario agonistico della UnipolSai Briantea84 che porterà sugli spalti del Palasport di Meda centinaia di ragazzi e famiglie.

«Siamo davvero felici di poter ripetere, anzi di raddoppiare, il nostro impegno in questo percorso che ritengo ad oggi unico – ha spiegato Alfredo Marson, presidente di Briantea84 -. Come prima cosa ringraziamo gli oratori, il Csi Milano e la Fom, per aver apprezzato la nostra collaborazione e la valenza della nostra esperienza. Il calore e l’affetto che abbiamo respirato a giugno in piazza Duomo a Milano, con i 14 mila adolescenti presenti, ci ha trasmesso una energia incredibile. Qui emerge chiaramente la valenza e la forza del gruppo: solo tutti insieme possiamo fare cose al di sopra dell’immaginazione. A questo progetto, infatti, si lega quello da 5 anni in corso con Io Tifo Positivo che ormai è la nostra curva ufficiale in tutte le partite casalinghe. Due pilastri importanti per aumentare la conoscenza dello sport paralimpico, avanti così».

«Briantea84, Csi e Fom insieme rappresentano un tridente straordinario in termini educativi – commenta Massimo Achini, presidente del Csi Comitato di Milano -. Il progetto che abbiamo realizzato arricchirà tantissimo i campioni di Briantea84 e i ragazzi degli oratori. Sogniamo un mondo dello sport dove campioni e ragazzi si prendono per mano per vivere insieme esperienze significative».

«Non si limita il talento! L’oratorio infatti è il laboratorio dei talenti – sottolinea don Stefano Guidi, direttore della Fondazione Oratori Milanesi e responsabile del Servizio per l’Oratorio e lo Sport dell’Arcidiocesi di Milano – e lo sport è un’esperienza molto speciale che permette a ciascuno di scoprirsi come talento unico e irripetibile. Sono convinto che l’incontro con gli atleti di Briantea84 saprà convincere i ragazzi dei nostri oratori a non arrendersi mai e a puntare sempre verso l’alto».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi