Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Milano

Minori stranieri soli, cineforum in due serate

Un’iniziativa di Caritas Ambrosiana e Farsi Prossimo articolata in due docufilm che saranno proiettati nella sede della prima: il 3 maggio «Ramadham Stories», il 17 maggio «Esperienze di accoglienza in famiglia»

20 Aprile 2023

Arrivano soli, e sempre più numerosi. La loro accoglienza e il percorso di inclusione presentano diversi profili problematici. Ma anche di insospettabile ricchezza umana e relazionale.

Caritas Ambrosiana e cooperativa Farsi Prossimo onlus propongono due serate sul tema dei minori stranieri non accompagnati. Lo fanno attraverso la formula del racconto affidato a docufilm proiettati in via San Bernardino 4 a Milano (vedi qui la locandina). Il primo, mercoledì 3 maggio, si intitola Ramadham Stories e racconta le storie di alcuni ragazzi accolti presso la comunità “Il Seme”, gestita dalla cooperativa Farsi Prossimo. La comunità accoglie una decina di minori stranieri non accompagnati garantendo protezione, tutela e sostegno nel percorso di crescita e di integrazione. Opera per promuovere l’autonomia degli ospiti, intesa non tanto come autosufficienza, ma come autorealizzazione e assunzione di responsabilità verso se stessi e verso gli altri.

Il secondo video verrà proiettato e commentato (in entrambe le serate, lo schema è quello del cineforum) mercoledì 17 maggio. Esperienze di accoglienza in famiglia racconta le vicende di nuclei che hanno aperto la loro casa, accogliendo alcuni adolescenti migranti, nel quadro del progetto di affido di minori non accompagnati realizzato da Caritas Ambrosiana in collaborazione con il Comune di Milano.

Le due serate rappresentano un’occasione preziosa, con testimonianze dirette e inedite, per conoscere vicende delicate, ma dense di umanità e di apertura al futuro. L’accoglienza di tanti minori, che arrivano in Italia con un bagaglio di vita complesso e orientamenti culturali da conoscere e condividere, non è processo facile, ma è un’impresa appassionante. Che può arricchire la vita di molti. E dell’intera società.