Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/il-dialogo-di-delpini-con-il-cardinale-di-salvador-de-bahia-2684313.html
Speciale

Delpini, fine anno in missione

Sirio 8 - 14 luglio 2024
Share

Brasile/2

Il dialogo di Delpini con il cardinale di Salvador de Bahia

Conclusa la visita dell’Arcivescovo nella Diocesi, sede del primate della Chiesa brasiliana e prima capitale del Paese. L’incontro e la celebrazione con i sacerdoti e le suore presenti nella realtà parrocchiale

2 Gennaio 2024
L'Arcivescovo con il cardinale Sergio da Rocha e i vescovi ausiliari

Nella seconda giornata a Salvador de Bahia l’Arcivescovo, mons. Mario Delpini, ha visitato il centro storico di Salvador de Bahia, che non è solamente la sede del primate del Brasile, ma è stata anche la prima capitale del Paese. Quindi è una città ricca di storia e di monumenti. L’Arcivescovo ha inoltre visitato la cattedrale, la chiesa di San Francesco e la piazza del Pelorino. Sempre in mattinata ha incontrato l’abate del monastero di San Benedetto, che è il primo monastero benedettino del Nuovo Mondo, inaugurato nel 1508.

Come racconta don Andrea Perego, fidei donum ambrosiano, «il pomeriggio invece è stato dedicato, come il giorno precedente, alla conoscenza della realtà parrocchiale, al colloquio con i sacerdoti (con me e con don Davide, della Diocesi di Cremona), e poi all’incontro con la comunità delle suore figlie della Chiesa, che operano in parrocchia. Con loro abbiamo celebrato la Santa Messa e poi cenato».

Il giorno successivo, l’ultima tappa dell’Arcivescovo a Salvador de Bahia, la mattina è stata tutta dedicata al colloquio con il cardinale Sergio da Rocha, che recentemente è entrato a far parte del cosiddetto C9, cioè il Consiglio dei nove cardinali scelti da papa Francesco per aiutarlo nel governo della Chiesa.

Leggi anche

Brasile/1
IMG-20231229-WA0009

L’Arcivescovo nelle favelas di Salvador de Bahia

Don Andrea Perego, sacerdote ambrosiano fidei donum, racconta la prima tappa del viaggio nel Paese sudamericano nella megalopoli segnata dal contrasto tra quartieri ricchi e poveri, dove sono attivi alcuni servizi sociali creati dalla Chiesa locale