Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/i-vescovi-lombardi-e-il-coronavirus-fino-al-7-marzo-messe-feriali-senza-fedeli-310139.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Caravaggio

I Vescovi lombardi e il Coronavirus: «Fino al 7 marzo Messe feriali senza fedeli»

La Conferenza episcopale lombarda si è riunita per esaminare la situazione alla luce del nuovo decreto della Presidenza del Consiglio e, in comunione con i Vescovi del Veneto e dell'Emilia-Romagna, mantiene in vigore le disposizioni già emanate nei giorni scorsi

2 Marzo 2020

La Conferenza Episcopale Lombarda si è riunita questa mattina in seduta straordinaria a Caravaggio. All’ordine del giorno dei vescovi delle diocesi di Milano, Bergamo, Mantova, Como, Vigevano, Crema, Lodi, Cremona, Pavia e Brescia un confronto alla luce del nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Di seguito la nota congiunta dei presuli lombardi, che in questa situazione si esprimono in comunione anche con i Vescovi del Veneto e dell’Emilia-Romagna:

«In ordine alla celebrazione dell’eucaristia il nostro desiderio più profondo era e rimane quello di favorire e sostenere la domanda dei fedeli di partecipare all’eucaristia.

Considerata la comunicazione odierna della Cei – che interpretando il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, invita a non celebrare le Sante Messe feriali con il popolo – chiediamo ai sacerdoti, alla luce della delicata situazione sanitaria e delle richieste delle autorità competenti, di continuare a celebrare le Sante Messe feriali senza la partecipazione dei fedeli sino a sabato 7 marzo.

Ci riserviamo di dare altre indicazioni, entro venerdì 6 marzo, alla luce di ulteriori sviluppi e delle decisioni delle istituzioni.

Le chiese continuino a restare aperte, nel rispetto delle norme del Decreto, per la preghiera.

Consapevoli della sofferenza e del disagio arrecato dalla situazione, in ordine ai nostri oratori, assunto il parere degli organismi pastorali preposti, sono sospese fino all’8 marzo compreso tutte le attività formative aggregative e sportive. E’ disposta la chiusura degli spazi aperti al pubblico. Fino a domenica 8 marzo compresa le iniziative e gli incontri presso altri ambienti parrocchiali restano sospesi.

Confidiamo che le misure di rigore alle quali aderiamo per senso di responsabilità a tutela della salute pubblica siano condivise da tutte le istituzioni ecclesiali e civili e accolte in ogni ambito in modo corale.

Ringraziamo i sacerdoti, i collaboratori e gli operatori sanitari e di ordine pubblico, con tutti i volontari, per l’opera svolta, incoraggiandoli a perseverare nel loro servizio.

Affidiamo le comunità diocesane, con un particolare pensiero a quelle più provate, ai malati e colpiti dalla calamità in atto, all’intercessione materna e confortante di Maria, la Vergine venerata a Caravaggio.

Mario E. Delpini – Arcivescovo di Milano
Francesco Beschi – Vescovo di Bergamo
Marco Busca – Vescovo di Mantova
Oscar Cantoni – Vescovo di Como
Maurizio Gervasoni – Vescovo di Vigevano
Daniele Gianotti – Vescovo di Crema
Maurizio Malvestiti – Vescovo di Lodi
Antonio Napolioni – Vescovo di Cremona
Corrado Sanguineti – Vescovo di Pavia
Pierantonio Tremolada – Vescovo di Brescia

In Diocesi restano validi i provvedimenti precedenti

Nella Diocesi di Milano, anche dopo il nuovo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, restano validi i provvedimenti decisi dopo l'ordinanza regionale e comunicati dal Vicario generale monsignor Franco Agnesi.
Per quanto riguarda le visite alle chiese si precisa che anche le visite guidate o in gruppo sono sospese.

 

Leggi anche

Nota
Curia-Arcivescovile

Emergenza Coronavirus, le disposizioni della Diocesi

Il Vicario generale, mons. Franco Agnesi, comunica i provvedimenti decisi dopo l'ordinanza regionale

di Franco AgnesiVicario Generale

Nota
pronto soccorso

La Cei: «In dialogo con le istituzioni per la salute di tutti»

La presa di posizione dei Vescovi italiani a seguito del nuovo decreto del Governo: «Non è mancato in questi giorni un dialogo serrato in cui si sono condivise la preoccupazione e la collaborazione per ridurre smarrimenti e paure»