Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/fidei-donum-a-cuba-portiamo-speranza-alla-gente-condividendo-la-sua-poverta-2503622.html
Speciale

L’arcivescovo Delpini a Cuba

Share

Testimonianza

«Fidei donum a Cuba, portiamo speranza alla gente condividendo la sua povertà»

Don Marco Pavan - uno dei quattro sacerdoti ambrosiani in missione nell’isola caraibica, che in questi giorni ricevono la visita dell’Arcivescovo - racconta la sua esperienza pastorale nel contesto di una difficile situazione economica e sociale

di Annamaria BRACCINI

10 Luglio 2023
Don Marco Pavan

«La mia è un’esperienza di missione molto particolare, perché il senso della nostra presenza a Cuba è quello di essere in mezzo alla gente, condividendo le fatiche laddove si vive con sofferenza la quotidianità. Essere un segnale di speranza è fondamentale ed è questo il nostro ruolo»: a raccontare così i suoi anni nell’isola caraibica è don Marco Pavan, dal 2017 a Palma Soriano come fidei donum.

Che tipo di città è Palma Soriano?
Conta circa 125 mila abitanti, con una realtà urbana dove risiedono 75 mila persone, a cui si aggiungono diverse comunità rurali. In città abbiamo attività per gli adolescenti e attenzione agli infermi. Una quindicina di case-missione sono centri di preghiera, di pastorale, di catechesi.

Vi sono sacche di povertà importanti?
Sì. Soprattutto perché, in questi ultimi anni, si è registrata una profondissima crisi economica, nata con la pandemia. Ora c’è scarsità di beni, di alimenti, di medicinali e noi cerchiamo di dare il nostro piccolo contributo, anche semplicemente condividendo la situazione.

Come è accolto un prete che viene dall’altra parte del mondo?
L’incidenza della Chiesa a Cuba è molto modesta: i cristiani cattolici sono intorno al 5%, sono presenti molte Chiese protestanti e pentecostali. Anche il numero dei preti è decisamente ridotto: nella mia Diocesi siamo una trentina di sacerdoti, di cui 20 stranieri. Il rischio, per i preti che vengono dall’’estero, è che la gente associ la Chiesa all’idea della ricchezza, dell’avere tanti mezzi a disposizione. Bisogna smontare questo immaginario: per questo abbiamo scelto la linea della povertà.

Perché ha accolto l’invito del cardinale Scola ad andare a Cuba?
Fino ad allora non avevo mai pensato che l’esperienza di fidei donum potesse riguardarmi, ma le parole del Cardinale mi hanno interpellato in prima persona. Da qui è nata la mia disponibilità, un’apertura di cuore, cercando di capire cosa volesse dire essere missionario, partire per la terra di Cuba. Così sono entrato in quest’avventura.

Riuscite a fare comunità assieme ai preti di altre nazionalità?
Nella Diocesi di Santiago sono presenti davvero tante nazionalità: preti dell’America Latina, europei, asiatici… Camminare insieme è estremamente difficile, ma è anche fondamentale. Per questo tutti i lunedì ci incontriamo con il Vescovo, anche semplicemente per condividere il pranzo, e poi un lunedì al mese si realizza un momento di formazione e di condivisione. Queste occasioni ci aiutano a creare un tessuto comune e a confrontarci sulle nostre idee di Chiesa e di pastorale.

Insomma, una vera «Chiesa dalle Genti» anche come clero…
Sì. Veniamo da varie esperienze pastorali, siamo diocesani e religiosi, e questo aiuta ogni volta a porci la domanda: «Il modo con cui faccio pastorale è l’unico possibile?». Un interrogativo che obbliga a mettersi in ascolto degli altri, della gente, ma soprattutto di ciò che lo Spirito sta chiedendo alla Chiesa.

L’Arcivescovo è già stato a Cuba nel 2018, quando lei era già presente. È cambiato qualcosa, anche se il lasso di tempo è molto breve da allora?
L’Arcivescovo troverà un’isola e un contesto sociali molto differenti. La crisi economica è durissima. Per questo molti stanno lasciando il Paese e anche la Chiesa sta soffrendo: abbiamo bisogno di ritrovare speranza e il volto della gioia del Vangelo.  

Leggi anche

Intervista
Delpini a Cuba

Zago: «Andiamo a Cuba per conoscere e collaborare»

Incontrare i «fidei donum» ambrosiani e proseguire la cooperazione con la Chiesa locale: questi gli scopi principali della missione dell’Arcivescovo nell’isola caraibica secondo il responsabile della Pastorale missionaria diocesana, che parla anche del viaggio in Turchia in programma in agosto

di Annamaria BRACCINI

Missione
Catedral_de_Santiago_de_Cuba

L’arcivescovo Delpini in visita pastorale a Cuba dal 9 al 16 luglio

In programma l’incontro con i quattro fidei donum ambrosiani impegnati nell'isola caraibica, le loro comunità e l’Arcivescovo di Santiago. Si tratta della seconda esperienza nel Paese centramericano dopo quella del 2018

Missione
Delpini a Cuba

Delpini: «A Cuba ho incontrato una Chiesa povera, ma fiera»

L’Arcivescovo racconta il suo recente viaggio nell’isola centramericana, dove ha fatto visita ai tre sacerdoti ambrosiani “fidei donum”. Tra limiti e ristrettezze, la realtà di una comunità animata dal «desiderio di condividere la propria fede»

di Luisa BOVE