Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/delpini-avvento-vespri-isaia-2-2550229.html
Percorsi ecclesiali

L’Avvento 2023 nella Chiesa ambrosiana

Share

Meditazione

Isaia: «Non c’è che una via di salvezza, quella del Signore che viene»

Nella predicazione in Duomo per la quarta Domenica d’Avvento, l’Arcivescovo prosegue l’“intervista” al profeta. Il discepolo è smarrito davanti alle ingiustizie dei potenti, ma ecco l'invito ai poveri della terra: «Preparate la festa, sta sorgendo un giorno come nessun altro»

di monsignor Mario DELPINIArcivescovo di Milano

3 Dicembre 2023
Isaia di Duccio da Buoninsegna

Il discepolo: «Si chiamavano abitanti della terra i figli degli uomini, ma ora non abitano da nessuna parte, vagabondi, forse, si devono chiamare. Si chiamavano cittadini gli abitanti della città, ma ora non hanno una città da abitare. Si chiamavano africani i popoli dell’Africa e si chiamavano arabi i popoli d’Arabia, ora si chiamano emigranti, cioè quelli che vanno via, dispersi e confusi. Come un uccello fuggitivo, come una nidiata dispersa sono i figli e le figlie della terra. Dacci un consiglio, profeta, prendi una decisione».

Il profeta: «Rendi come la notte la tua ombra in pieno mezzogiorno; nascondi i dispersi; non tradire i fuggiaschi. Siano tuoi ospiti i dispersi di ogni terra infelice, sii il loro rifugio di fronte al devastatore.
Tu che hai casa non ignorare chi è senza casa, tu che hai una terra non respingere che è stato derubato della sua terra, tu che hai potere non approfittare dell’impotente».

Il discepolo: «Troppo. Chiedi troppo. Troppa miseria, chi può soccorrere? Troppa cattiveria, chi può sperare? Troppa ingiustizia, chi può rimediare? La storia è troppo sbagliata, chi può aggiustarla? Il tiranno è troppo potente, chi può contrastarlo?
Una parola, profeta, una parola, in nome di Dio».

Il profeta: «Mandate l’agnello, offrite il tributo al Signore del cielo e della terra. Scrivete una storia nuova. Percorrete la via della mitezza. Colui che viene nel nome del Signore è re di pace e di giustizia. Cantate il vostro osanna, celebrate la vostra speranza, voi che sperate la pace».

Il discepolo: «Ma i potenti della terra? ma le vicende della storia? ma le parole dei potenti? Non vedi come da ogni parte giungono messaggeri di sventure, allarmi e gemiti? Come le figlie di Moab piangevano alle porte di Gerusalemme, così i miserabili della terra piangono per la loro terra inabitabile. Dove dunque la fiducia? Dove dunque la pace?».

Il profeta: «Ecco, io vedo che un regno si sta preparando, un regno come nessun altro. Ecco, io vedo che un giorno sta sorgendo, un giorno come nessun altro. Ecco io vedo germogliare la gioia, una gioia come nessun’ altra. Preparano per il Signore che viene la mansuetudine perché si possa collocare il trono. Preparano per l’ingresso del Signore la festa perché Dio possa consolare ogni lacrima, fare coraggio agli smarriti, radunare i dispersi.
I poveri temono il tiranno invincibile, ma il Signore vede arrivare il suo giorno; i faccendieri cercano alleanze e profitti nell’alleanza con il male, ma il Signore vede incombere su di loro la disperazione del fallimento.
Preparate la festa, voi poveri della terra! Cercate la roccia, voi che volete costruire la casa! Accogliete la nuova alleanza, coi che cercate un rifugio».

Il discepolo: «Dove, profeta? Come, profeta? Hai scritto di sogni? Hai consolato con visioni di fantasia? Hai raccontato favole per consolare i bambini spaventati dai mostri della notte?».

Il profeta: «Non vincerete il male con il male. Non sconfiggerete la violenza con la violenza. Non c’è che una politica che possa rendere abitabile la terra, la giustizia. Non c’è che una strada per giungere alla pace, la giustizia e il diritto. Non c’è che uno sguardo da rivolgere ai dispersi di Moab e di ogni altra terra, la compassione. Non c’è che una via di salvezza, quella che percorre il Signore che viene, come il re mite che cavalca un asino, come l’agnello che viene mandato per essere immolato, versare il sangue della nuova ed eterna alleanza.
Celebrate l’alleanza, praticate la giustizia, costruite la fraternità, non lasciate che i fratelli rimangano a supplicare alle porte delle vostre mura costruite con l’indifferenza e la paura.
Ecco, il Signore viene, un giudice sollecito del diritto e pronto alla giustizia».

Leggi anche

Meditazione
1123-Raffaello_2C_profeta_isaia

Isaia: «Dio prepara una via per consolare gli umili della terra»

Nella predicazione in Duomo per la seconda Domenica d’Avvento, l’Arcivescovo prosegue l’“intervista” al profeta, che all’invocazione del discepolo impaziente e smarrito risponde con parole di rassicurazione

di monsignor Mario DELPINIArcivescovo di Milano

Meditazione
800px-Michelangelo,_profeti,_Isaiah_01

Intervista a Isaia, l’uomo di Dio

Nella sua predicazione in Duomo per la prima domenica dell'Avvento ambrosiano l'Arcivescovo ha immaginato un dialogo tra il profeta e un suo discepolo sul testo proposto dalla liturgia nella prima lettura (Is 24,16b-25): l'umanità preferisce l'inganno dei falsi idoli, ma «dove regna il Signore abita la pace»

di monsignor Mario DELPINIArcivescovo di Milano

In Duomo
delpini avvento 2017 (C)

Vespri d’Avvento con l’Arcivescovo

Nelle sei domeniche monsignor Delpini presiede il rito in programma alle 16.30 in Cattedrale, proponendo una sua predicazione. Diretta web

Presepe

L’Avvento 2023 nella Chiesa ambrosiana

Il Kaire e le celebrazioni dell’Arcivescovo, gli eventi diocesani, le proposte di solidarietà e le altre iniziative nel tempo liturgico che prepara al Natale

Meditazione
profeta-isaia

Isaia: «Fate posto alla gioia del Signore»

Nella predicazione in Duomo per la terza Domenica d’Avvento, l’Arcivescovo prosegue l’“intervista” al profeta, che invita il discepolo inquieto all'ascolto e alla memoria: «Ricordati di vivere di una vita ricevuta»

di monsignor Mario DELPINIArcivescovo di Milano