Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Testimonianza

«Così ho dovuto “fare i conti” con Dio»

«La matematica, l’oratorio e la missione erano tre poli della mia vita che procedevano insieme - racconta Marco Della Corna, uno dei preti 2020 -. Poi ho compreso che Gesù mi chiedeva per lui a tempo pieno»

di Ylenia SPINELLI

30 Agosto 2020
Marco Della Corna

«La mia non è stata una chiamata improvvisa, ma un cammino in cui Gesù si è fatto spesso presente e mi ha chiesto di dargli ascolto». Descrive così la sua vocazione Marco Della Corna, classe 1986, originario di Besana in Brianza. Una vocazione nata e cresciuta nel tempo, anzitutto in famiglia, che lo ha educato alla fede e gli ha insegnato a pregare e poi in parrocchia, dove ha prestato servizio come chierichetto e cerimoniere e in seguito come animatore ed educatore. «Poi ho incontrato i Missionari della Consolata di Bevera – racconta -, che mi hanno introdotto alla bellezza e alla gratuità della missione e mi hanno accompagnato nel cammino».

Laureato in Matematica, a un certo punto della sua vita, ha infatti dovuto “fare i conti” con Dio, che gli chiedeva qualcosa di più. «Avere un Dna matematico non è mai stato in competizione con il fatto di sentirmi amato e chiamato a vivere il Vangelo. Del resto il Dio in cui crediamo non può essere rinchiuso nei nostri schemi e nelle nostre logiche – tiene a precisare Marco -. La matematica, l’oratorio e la missione erano tre poli della mia vita che procedevano insieme, accomunati dalla possibilità di fare diverse esperienze insieme a giovani come me e di dedicarmi ai ragazzi. Nel tempo, però, rileggendo le cose che mi davano gioia piena e aiutato dal confronto con la guida spirituale, ho compreso che Gesù mi chiedeva di essere per lui a tempo pieno. Tutto il resto non perdeva valore, ma lo acquistava in relazione al primato da dare a lui».

Marco ha anche insegnato per tre anni e mezzo Matematica e Fisica alle superiori: all’istituto d’arte Cimabue in centro a Milano, al liceo classico San Raffaele di Segrate, al liceo classico-scientifico FAES di Milano. «Un’esperienza molto bella – ricorda -, che mi ha dato modo di mettermi in gioco con una professione che mi appassionava e mi ha portato a interrogarmi su cosa significasse per me stare in mezzo ai ragazzi. Partendo da qui, sono giunto a comprendere che questa passione era anzitutto una passione educativa e cristiana, ma Gesù mi stava chiedendo qualcosa di più».

Le settimane estive Marco le ha trascorse tra Lecco, dove ha iniziato a fare qualche conoscenza presso la Comunità pastorale Madonna del Rosario cui è stato destinato, e Paderno Dugnano, nella comunità che lo ha accolto e accompagnato durante l’anno del diaconato. «Sono contento di questo tempo inedito e inaspettato – confessa -, perché mi ha permesso di vedere tanta gratuità nei giovani e negli adulti e di riallacciare relazioni belle che, iniziate nei primi mesi dell’anno, erano state interrotte dal lockdown a causa del virus».

Quanto al ministero conclude: «Non so esattamente cosa aspettarmi, se devo essere sincero, mi piacerebbe “stare al gioco di Dio, fare la volontà di Dio nell’attimo presente”, come direbbe una figura a cui sono molto legato. Vorrei essere un sacerdote innamorato di Cristo, vicino alla gente che mi verrà affidata e a cui sarò affidato».

 

Leggi anche

5 settembre
Don Fabio Molon

Preti 2020, l’ordinazione più attesa

Nella celebrazione presieduta dall’Arcivescovo in Duomo alle 9, 23 candidati diventeranno sacerdoti dopo il rinvio di giugno per la pandemia. Don Fabio Molon, vicerettore del Quadriennio: «Questo periodo li ha aiutati a custodire e a purificare il desiderio»

di Ylenia SPINELLI

5 settembre
preti 2020

Preti 2020, a servizio dell’umanità in un tempo nuovo

Rimandate a causa della pandemia, le ordinazioni presbiterali saranno presiedute in Duomo alle 9 dall’Arcivescovo. Celebrazione su invito, ma è possibile seguirla grazie alla diretta tv, radio e web. Oltre ai 22 ordinandi ambrosiani è presente un candidato del Nicaragua, Esler Salatiel Miranda Cruz, che non appartiene al clero diocesano, ma che avrà una destinazione in Diocesi

di Ylenia SPINELLI