Sirio 13 -19 maggio 2024
Share

Giovani in cammino/5

A Giussano in 150 a “scuola” per diventare educatori

Questi i numeri di «Ricominciamo insieme», il progetto della Comunità pastorale San Paolo che coinvolge quattro oratori con incontri mensili fino al 31 agosto

di Raffaele Biglia

8 Maggio 2023

Adolescenti e preadolescenti che diventino a loro volta educatori di altri ragazzi. Questo il progetto «Ricominciamo insieme» messo a punto dalla Comunità pastorale San Paolo di Giussano – coinvolti quattro oratori di altrettante parrocchie – che si articola, fino al 31 agosto, in incontri con cadenza mensile nella convinzione che interessi e linguaggi comuni possano facilitare i rapporti tra le nuove generazioni e insieme valorizzare le potenzialità dei giovani in ambito educativo e progettuale nei confronti dei più piccoli, compresi i soggetti fragili. Una proposta che aderisce a “Giovani in cammino”, l’iniziativa multilivello rivolta alla prevenzione del disagio giovanile promossa da Odielle (Oratori Diocesi Lombarde) con il contributo della Regione Lombardia che prevede 150 azioni progettuali in un territorio in cui sono compresi il 40% degli oratori di tutta la nazione: una importante rete di riferimento e aggregazione per i ragazzi.

L’iniziativa coinvolge 150 giovani in prevalenza tra i 14 e i 25 anni, con incontri strutturati in forma di laboratorio partendo dalla relazione educativa di base – i primi approcci – per poi organizzarsi in un percorso più articolato venendo incontro alle esigenze che emergono durante il corso. L’apertura anche a temi di attualità e più vicini alla sensibilità delle nuove generazioni è un altro fattore decisivo per un dialogo più efficace.

Aperti al confronto

Oltre a far crescere professionalmente i futuri educatori, il corso intende approfondire la conoscenza dei nuovi linguaggi e delle tematiche del mondo adolescenziale, favorendo spazi di verifica e di confronto a livello personale e comunitario fra i giovani. Questo lo spirito che deve animare chi sceglie di diventare educatore in oratorio. 

Ad arricchire il percorso di formazione dei ragazzi la possibilità di conoscere l’associazione Il Mosaico, una organizzazione di volontari che sostiene le persone disabili e le loro famiglie, e di inserirsi nelle attività della sede di Giussano della Caritas Ambrosiana con il Banco Alimentare.

Sono don Giacomo Prandi, vicario per la pastorale giovanile della Comunità pastorale San Paolo di Giussano, Davide Manzo, educatore e pedagogista, e Manuel, un seminarista al quinto anno, a supervisionare e coordinare «Ricominciamo insieme». «La presenza nella nostra Comunità pastorale di Davide Manzo – spiega don Giacomo – rende possibile una maggiore cura nella formazione del gruppo educatori, sia dei preadolescenti che degli adolescenti, chiamati ad accompagnare ragazzi che a volte vivono fatiche o fragilità e hanno bisogno di sentirsi ascoltati e sostenuti da figure più adulte. Le proposte sui cammini da proporre ai ragazzi vengono valutate insieme dal nostro gruppo, favorendo poi un lavoro personale di ogni singolo educatore che può avere così un luogo dove paragonare il proprio vissuto educativo e quindi anche crescere in umanità e dal punto di vista spirituale».

«Un aiuto importante che Davide svolge – conclude il vicario – è il lavoro nel tempo estivo quando nei nostri Oratori gli animatori, chiamati a seguire quasi 850 ragazzi, suddivisi nei quattro oratori della comunità pastorale, necessitano di persone più mature per poter svolgere con maggiore impegno e competenza anche il loro servizio gratuito e appassionato».

Leggi anche:

Melegnano, in oratorio a riscoprire il senso della comunità

Pioltello, l’oratorio al servizio del territorio

Varese, gli adolescenti riprendono in mano la loro vita

Navigli, quando l’oratorio crea comunità