Link: https://www.chiesadimilano.it/news/attualita/delpini-faenza-alluvione-2803332.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Anniversario

L’Arcivescovo a Faenza: «Siamo concordi e perseveranti nella preghiera»

A un anno dall'alluvione ha celebrato la Messa pontificale nella festa della Beata Vergine delle Grazie, occasione per ringraziare Caritas Ambrosiana per l'impegno prestato per risanare gli abitati e assistere la popolazione

11 Maggio 2024

«Celebriamo la patrona di Faenza che ha rivelato d’essere la Beata Vergine delle Grazie così vicina alla gente nei secoli. Nei momenti della peste, del terremoto, della guerra la gente è forse tentata di disperdersi, di gridare: “Si salvi chi può!”, di andare ciascuno per la sua strada, pensando di salvarsi da solo. La storia di Faenza raccomanda piuttosto di essere concordi e perseveranti nella preghiera per invocare: “Salvaci, Signore! Aiutaci, Maria!” In questo frammento di storia che stiamo vivendo chiediamo l’intercessione di Maria perché aiuti a stare insieme, i giovani e i vecchi, i politici e gli amministratori, gli intellettuali e i ricercatori, i tradizionalisti e i progressisti, gli uomini e le donne qualsiasi. Insieme per invocare: Salvaci, Signore! Aiutaci, Maria!”».

È il passaggio conclusivo dell’omelia che l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha pronunciato questa mattina nella Cattedrale di San Pietro Apostolo a Faenza, presiedendo la Santa Messa pontificale nella festa della Beata Vergine delle Grazie, patrona della città e della diocesi. La celebrazione è stata anche un momento per ringraziare i volontari che si sono spesi durante l’emergenza dell’alluvione e le altre calamità naturali che hanno colpito la diocesi faentina nel maggio del 2023, ed è stata in particolare «un’occasione per ringraziare la diocesi di Milano, che tramite la Caritas ambrosiana ha fatto e donato tanto in occasione dell’alluvione», come ha scritto il Vescovo di Faenza, monsignor Mario Toso (che ha concelebrato la Messa), nella lettera inviata alla sua diocesi nei giorni scorsi. Al termine della celebrazione monsignor Delpini e monsignor Toso hanno sostato sul sagrato della Cattedrale per un momento di preghiera e intercessione per la città.

Delpini Faenza

L’alluvione

Un anno fa, nella prima metà di maggio, due eventi atmosferici estremi, i cui effetti si sono saldati a danno di territori e popolazioni, hanno colpito diverse aree dell’Emilia Romagna, con particolare violenza le province di Modena, Bologna, Ravenna e Forlì-Cesena. Tra il 1° e il 2 maggio 2023 caddero sui territori in questione 150-250 mm d’acqua in circa 36 ore (quantità mediamente rilevata nei mesi di marzo, aprile e maggio); poi, tra il 16 e il 17 maggio, una seconda alluvione colpì con ancora maggior violenza le stesse zone, causando una piena repentina, eccezionale e contemporanea di 24 corsi d’acqua tra Bologna e Rimini, di cui 21 tracimarono, allagando 35 Comuni, mentre 300 frane martoriarono i versanti collinari e montani nell’Appennino emiliano orientale e romagnolo, devastando edifici e viabilità.

A causa delle alluvioni persero la vita 16 persone e circa 36.500 registrarono gravi danni alle proprie abitazioni; la condizione di sfollati si è protratta per settimane, e in alcuni casi per mesi, per molti cittadini. Ingenti anche i danni a reti e infrastrutture pubbliche e civili, a impianti produttivi (agricoli, artigianali e industriali) e a sedi commerciali.

Gli interventi Caritas

Caritas Ambrosiana, in coordinamento con Caritas Italiana, sin dai primi giorni successivi all’evento ha risposto alla richiesta di aiuto proveniente dalle Caritas diocesane emiliano-romagnole, mettendo a disposizione non solo l’esperienza maturata in altri scenari simili, ma anche un cospicuo parco-macchinari (idropulitrici elettriche e con motore a scoppio, aspiraliquidi, gruppi elettrogeni e deumidificatori). Dopo la prima alluvione è stato aperto a Faenza (città maggiormente colpita dall’evento) un Centro operativo interdiocesano che, per mesi, è stato punto di riferimento per la popolazione alluvionata faentina e per le altre Caritas diocesane coinvolte (Cesena-Sarsina, Forlì-Bertinoro, Imola, Ravenna-Cervia e, chiaramente, Faenza-Modigliana).

Operatori ambrosiani hanno agito all’interno del Centro, organizzando l’operato degli oltre cento volontari ambrosiani che nei mesi successivi all’alluvione si sono recati in Emilia-Romagna per spalare, pulire, asciugare centinaia di abitazioni. Sollevati, almeno in parte, dal peso di queste incombenze, gli operatori Caritas e i volontari romagnoli hanno potuto così dedicarsi all’ascolto e a una conoscenza più approfondita di persone e famiglie colpite dall’alluvione, concentrandosi soprattutto sulle fragilità sociali e sulle povertà materiali che la catastrofe ha fatto emergere.

Un volontario in azione

Caritas Ambrosiana ha anche contribuito alla ricostruzione del centro anziani “Francesca Cimatti”, infrastruttura polifunzionale, gestita dalla cooperativa sociale “L’Alveare”, che opera nell’orbita della Caritas diocesana di Faenza-Modigliana ed è l’unica, a Faenza, a offrire accoglienza diurna e servizi mirati ad anziani parzialmente non autosufficienti. Caritas Ambrosiana ha messo a disposizione 227 mila dei 327 mila euro valutati come necessari a ristrutturare l’edificio danneggiato dall’alluvione, dotarlo delle attrezzature necessarie per la fisioterapia e riattivare gli spazi ludico-ricreativi.

I numeri

  • Macchinari forniti 60 deumidificatori, 31 idropulitrici, 15 aspiraliquidi, 12 gruppi elettrogeni, 2 transpallet, 1 carrello elevatore, 100 stivali, 100 pale, 300 guanti da lavoro e 30 carriole. Inoltre scaffalature, stampanti e computer portatili.
  • Case ripulite 200
  • Famiglie raggiunte dal servizio gratuito di deumidificazione delle abitazioni 700
  • Kit erogati 800 pulizia casa, 300 prodotti cura corpo, 300 alimentari
  • Volontari ambrosiani coinvolti 115
  • Ore di lavoro gratuito prestato circa 1.850

Serata teatrale a Lecco

Per ricordare i dolorosi eventi di un anno fa, un’iniziativa particolare si svolgerà a Lecco, all’Auditorium “Casa dell’Economia” (sede della locale Camera di Commercio, via Tonale 20), nella serata di venerdì 17 maggio (inizio ore 20.45). Piatto forte del convegno Caritas della Zona pastorale III, infatti, sarà il reading teatrale Fango. Storia di un’alluvione e di profonde umanità, scritto e interpretato dagli artisti romagnoli Marco Cortesi e Mara Moschini: una preziosa occasione per considerare le connessioni esistenti tra cause ambientali ed effetti umanitari dei fenomeni meteorologici estremi, non fermandosi alla superficie degli eventi (vedi qui la locandina).

Leggi anche

Solidarietà
IMG-20230716-WA0021 (1)

Da Merone aiuti alle scuole alluvionate dell’Emilia-Romagna

Con l’impegno congiunto della parrocchia e della Fondazione Asilo “Zaffiro Isacco” trasportati a Massa Lombarda (Ravenna) arredi e materiale scolastico. Così a settembre gli alunni potranno riprendere le lezioni

di Enrico VIGANÒ

Testimonianza
I ragazzi del Tito Livio a Faenza

«Volontaria in Emilia-Romagna, un’esperienza di fratellanza»

Valentina, 18enne milanese, racconta il fine settimana trascorso a portare aiuto con Caritas nelle zone alluvionate e i legami di solidarietà creati con le popolazioni

Riflessione
IMG-3239

Emilia-Romagna, oltre il dramma la voglia di ripartire

Si contano i danni, ma si lavora già alla ricostruzione, anche grazie alla solidarietà e alla vicinanza giunte da più parti. Una lezione di fraternità di cui fare tesoro

I direttori dei settimanali delle diocesi alluvionate della Romagna

Maltempo
Mercato-Saraceno-evacuate-35-persone_articleimage

La Cei vicina alle popolazioni dell’Emilia-Romagna

In una nota la Presidenza assicura «il ricordo nella preghiera per le vittime, i dispersi e tutte le famiglie coinvolte» e rinnova l’invito alla prossimità

di Agensir