Redazione

La Segreteria diocesana per la formazione all’impegno sociale e politico della Diocesi di Milano, nel suo compito di pensare, coordinare e suscitare iniziative di formazione all’impegno sociale e politico e di preparare strumenti e sussidi per questo scopo, ha organizzato nel febbraio 2002 un Convegno dal titolo “Religioni e regole democratiche”, invitando tutti i membri delle Commissioni decanali per la formazione all’impegno sociale e politico e tutti coloro che sono interessati a questi temi educativi.

Il Convegno ha dato la parola all’Arcivescovo Carlo Maria Martini che è intervenuto con un messaggio scritto nel quale afferma che “si tratta di chiedersi come conciliare tra loro l’appartenenza religiosa e la convivenza civile nel rispetto e nella promozione della democrazia e delle sue regole” e che “credo che la sfida sia quella di realizzare una “convivialità delle culture”, in grado di trasformare ogni rinascente tentazione di contrapporre tra loro culture e civiltà in una gara di mutuo servizio e di accoglienza tra culture diverse, in una sintesi a misura di uomo e di cittadini, in una grande realtà dove possano trovare casa tante piccole nazioni e culture”.

Due “profili” del tema in discussione hanno animato la mattinata: il profilo culturale teologico e il profilo giuridico-istituzionale. Il Prof. Paolo Branca, docente di Lingua Araba all’Università Cattolica del Sacro Cuore ha portato il suo contributo dentro il primo profilo esaminando “Islam e convivenza civile”, mentre il Prof. Luigi Pizzolato, Ordinario di Letteratura cristiana Antica sempre dell’Università Cattolica, ha riflettuto su “cattolicesimo e convivenza civile”. Il secondo profilo ha visto relatore il Prof. Nicola Coliannni, dell’Università di Bari, e Consigliere di Corte di Cassazione a Roma.

Nel pubblicare gli Atti, riteniamo utile, dentro le nostre comunità cristiane e nei luoghi dovc si “fa” cultura, un di più di conoscenza, di formazione e di attenzione culturalmente motivata e cristianamente ispirata alle responsabilità civili e all’impegno sociale e politico nella certezza che come dice il Cardinal Martini: “La formazione all’impegno sociale e politico, infatti, è da annoverare tra le necessità e le urgenze dell’azione pastorale, nella consapevolezza – come ha scritto il Papa nella Novo millennio ineunte – che il «versante etico-sociale si propone come dimensione imprescindibile della testimonianza cristiana» e che «si deve respingere la tentazione di una spiritualità intimistica e individualistica, che mal si comporrebbe con le esigenze della carità, oltre che con la logica dell’incarnazione e, in definitiva, con la stessa tensione escatologica del cristianesimo» (n. 51)”.

Don Giuliano Parravicini

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi