La parrocchia di San Giovanni Battista a Sesto San Giovanni ricorda don Raffaello promuovendo la pubblicazione di una raccolta dei racconti-midrash che inviava agli amici quale augurio natalizio o pasquale. Nella prefazione al volume (Centro Ambrosiano, 264 pagine, 16,90 euro) il cardinale Tettamanzi scrive: «Mi auguro che la lettura possa far conoscere uno dei “santi minori” della Chiesa di Milano»

Le mie storie di Gesù_Ciccone

Ogni anno, a Natale e Pasqua, don Raffaello Ciccone (1935-2015), dal 1995 al 2010 responsabile dell’Ufficio diocesano per la Vita sociale e il lavoro, era solito consegnare agli amici “Storie di Gesù”. Era il suo modo di fare gli auguri e tutti, in parrocchia, aspettavano con una certa trepidazione questo momento per sapere quale personaggio del Vangelo o della fantasia sarebbe stato il protagonista del racconto e attraverso quali vicende sarebbe passato. In realtà non erano semplici favole. Lui ci teneva a chiamarle midrash, cioè a farne percepire il legame con la Sacra Scrittura e a evidenziarne lo scopo educativo ed ermeneutico.

Ora i racconti scritti da don Ciccone dal 1995 al 2015 sono raccolti nel volume «Le  storie di Gesù. Midrash» (Centro Ambrosiano, 264 pagine, 16,90 euro). È il modo scelto dalla comunità parrocchiale di San Giovanni Battista a Sesto San Giovanni, per ricordare il “suo” don Raffaello. «Queste pagine trasudano la semplicità e la verità della Bibbia – scrive nell’introduzione don Franco Motta, parroco di San Giovanni Battista -; sono come un “quinto” Vangelo che racconta, nelle tonalità dell’immaginario, ciò che il Vangelo non narra, ma che non gli è assolutamente estraneo».

«Don Raffaello è stato un uomo che ha attraversato questo nostro mondo con grande serietà e profondo senso della solidarietà – scrive nella prefazione il cardinale Dionigi Tettamanzi, Arcivescovo emerito di Milano -. Si appassionava alle problematiche anche molto complesse e sapeva soffrire – quasi arrabbiarsi e patire – di fronte a certe durezze del mondo politico e finanziario incapace di corrispondere alle esigenze anche elementari della giustizia e della dignità della lavoratrice e del lavoratore. Aveva il culto dell’amicizia e ci teneva con forza alla franchezza nei rapporti umani: si prendeva cura delle persone e in particolare dei poveri, degli ultimi, degli “scartati”. È stato per tutti amico, maestro, educatore. Soprattutto testimone». «Mi auguro – conclude il Cardinale – che la lettura di questo libro possa far conoscere uno dei “santi minori” che hanno attraversato come un filo d’oro il vissuto quotidiano della Chiesa di Milano».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi