Per la grande richiesta di partecipazione, il corso lanciato dall'Ufficio diocesano per formare comunicatori in ogni comunità si terrà in Cattolica. Iscrizioni on line entro il 5 marzo, posti ancora disponibili

gente in chiesa

Un portavoce, un responsabile della comunicazione in ogni parrocchia. Questo lo scopo del corso “La Parrocchia comunica”, organizzato dall’Ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi di Milano. «Spesso nelle parrocchie la comunicazione è ridotta a una attività secondaria, come le pulizie o la manutenzione degli immobili. In realtà, a partire dal comando di Gesù, comunicare è la missione fondamentale dei cristiani. O la comunicazione della comunità cristiana è ben realizzata, oppure rischia di dare una contro-testimonianza rispetto alla missione cui è chiamata», spiega don Davide Milani, responsabile della comunicazione della Diocesi di Milano e portavoce dell’Arcivescovo.

«Per comunicare il Vangelo nella vita quotidiana, gli strumenti di comunicazione sono di grande aiuto, anche in parrocchia». Spesso si tratta di strumenti piccoli: il sito web, il bollettino, i manifesti. Si tratta di grandi opportunità perché nel territorio raggiungono percentuali alte della popolazione e provengono da una fonte autorevole. «Occorre però comunicare con professionalità – spiega don Milani – conoscendo leggi, tempi, metodi, strumenti, difendendosi dalla cattiva comunicazione, interagendo con gli strumenti locali e nazionali diffusi sul territorio, promuovendo media e occasioni di comunicazione propri, con uno stile evangelico, vicino alla gente, originale rispetto alla tendenza urlata e morbosa dalla quale pare impossibile differenziarsi. Ma non siamo soli: un grande aiuto viene dagli strumenti di comunicazione ecclesiali diocesani e nazionali, da diffondere sul territorio, rispetto ai quali la comunicazione parrocchiale sarà complementare».

Realizzare tutto questo non è questione di tecnica o strumenti: occorre suscitare “vocazioni” alla comunicazione, formare persone disponibili a donare il proprio tempo alla comunità, mettendosi a servizio del progetto complessivo della parrocchia. «Obiettivo del corso è formare una persona che in parrocchia sia il responsabile della comunicazione, capace di trasformare in notizia i fatti della vita della comunità e di quanto è decisivo, pronto a guidare il bollettino parrocchiale, il sito internet, i profili social, coordinare lo stile di manifesti, volantini, capace di relazionarsi con i giornali locali, di gestire le crisi comunicative che possono capitare in parrocchia a seguito di fatti spiacevoli o gravi. Così come a capo della Caritas parrocchiale o del gruppo dei catechisti c’è una persona competente e responsabile, così deve essere anche per la comunicazione», conclude don Milani.

Docenti saranno giornalisti, mass mediologi, professionisti che spiegheranno come stendere un progetto di comunicazione, dotarsi di uno stile comunicativo originale e in sintonia con la missione spirituale della parrocchia, curare l’immagine coordinata, parlare i linguaggi dei social media, affrontare i momenti critici, allestire un piccolo ufficio stampa.

Le lezioni partiranno il 7 marzo (dalle 9.30 alle 13) e si protrarranno per tutto il mese. Inizialmente previste in Curia, a causa del grande afflusso di iscrizioni si terranno nell’aula Vismara dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (largo Gemelli 1, Milano). Costo 30 euro. In autunno il secondo modulo del corso.

Il programma

Ecco il programma degli incontri.

7 marzo: Dire. «La parrocchia comunica. Missione e dovere», don Davide Milani, responsabile Comunicazione Arcidiocesi di Milano; «Lo stile comunicativo della comunità cristiana», Ruggero Eugeni, docente Semiotica dei Media, Università Cattolica, Direttore di Almed, Alta scuola in Media Comunicazione e Spettacolo; «Tra il “bollettino” e Facebook: quale linguaggio per comunicare oggi», Piermarco Aroldi, docente Sociologia delle comunicazioni di massa e Teoria e tecnica delle comunicazioni sociali, Università cattolica.

14 marzo: Pensare. «Il piano di comunicazione, la redazione, le notizie», Lorenzo Colombo, responsabile Comunicazione Italcementi; «Connessi con la Diocesi», Pino Nardi, direttore www.chiesadimilano.it e coordinatore Milano Sette; «La vita della Chiesa universale: opinioni e commenti sui “grandi temi”», Francesco Ognibene, caporedattore Avvenire.

21 marzo: Fare. «Giornale, notiziario, sito web, social media… Quali strumenti usare», Daniele Bellasio, Social media editor e caporedattore Il Sole 24 Ore; «L’immagine (coordinata) della parrocchia. La grafica», Adriano Attus, direttore creativo Il Sole 24 Ore.

28 marzo: Dialogare. «Dialogare con i giornali locali e i media del territorio», Gerolamo Fazzini, giornalista Credere e Famiglia Cristiana, consulente editoriale; «Quando la parrocchia è una (cattiva) notizia: come gestire le crisi comunicative», don Davide Milani, responsabile Comunicazione Arcidiocesi di Milano; «La legge: la normativa sulla privacy, la diffamazione, la registrazione delle testate», a cura dell’Ordine dei giornalisti di Milano.

Il numero di partecipanti è limitato. L’iscrizione è obbligatoria e dovrà essere effettuata entro il 5 marzo fino a esaurimento dei posti.

Come iscriversi: on line su www.chiesadimilano.it/comunicazionisociali oppure telefonando allo 02.8556240 in orario d’ufficio. Una volta comunicati i propri dati sarà necessario versare la quota di iscrizione di 30 euro tramite bonifico bancario entro il 5 marzo: Iban IT21U0521601631000000002449; Credito Valtellinese, Ag.1 Milano, a favore di Centro ambrosiano di documentazione e studi religiosi, piazza Fontana 2, 20122 Milano indicando nella causale: Nome, Cognome, Corso comunicazione).

La ricevuta di pagamento insieme alla scheda di iscrizione debitamente compilata va inviata via mail a comunicazione@diocesi.milano.it oppure via fax al numero 02.8556312. L’iscrizione è considerata valida solo dopo il pagamento della quota di partecipazione di 30 euro.

Pochi i posti ancora disponibili: in pochi giorni sono state moltissime le adesioni. In allegato il volantino con tutti i dettagli

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi