foto 675482
foto 667467

NELLE TENEBRE DEL GOLGOTA

Maria UN GRANDE DONO, UNA MADRE PER TUTTI - Maria, ai piedi della croce, sperimenta il dolore per la perdita del Figlio e lo stupore per una “nuova maternità”, quando lo stesso Gesù consegna a lei il discepolo amato con le parole «Ecco tua madre». Una nuova maternità che non esclude nessuno, che si china sui deboli, sugli esclusi, sugli emarginati, sui peccatori. Cioè su tutti noi. di Dora Castenetto - Nelle tenebre del Golgota Maria ha chiuso gli occhi, il volto pallido come il velo che l’avvolge quasi fosse un sudario. Davvero non può più reggere la vista di quel Figlio straziato che pende dal legno della Croce, e che Grunewald, in questa Pala di Isenheim, ha dipinto con una tragicità che rasenta la ferocia. A sorreggerla, fedele al mandato del suo Signore, Giovanni l’apostolo, che la cinge con un braccio, mentre l’altra mano serra il gomito della Vergine, in un gesto di protezione e di ricreata intimità. Macchie, insieme, di luce e di colore che emergono dalle tenebre del Golgota. (Grunewald, 1515, Colmar)

L’ABBRACCIO DISPERATO DELL’ISCARIOTA

Giuda FRATELLO NOSTRO E DELL'UMANITÀ - Ecco alcuni stralci dalla provocatoria omelia del Giovedì santo 1958 dell’allora parroco di Bozzolo (Mn). Nella lettura di don Primo Mazzolari la follia dell'Apostolo che ha tradito diventa la miseria di tutti noi. Ma il peccato più grande non è tradire, è perdere la speranza nel perdono divino. di Primo Mazzolari - L’abbraccio disperato dell’Iscariota Una forza disperata spinge Giuda. La forza stolta di chi non vuol più ragionare, di chi non vuol più ascoltare, per paura forse di capire. Il Cristo quasi vacilla sotto l’urto dell’Iscariota. E si lascia stringere dal traditore, senza ricambiare l’abbraccio, lui che ha abbracciato le folle, e che dall’alto della croce continuerà ad abbracciare il mondo. Non c’è incrocio di sguardi: Gesù chiude gli occhi, mentre quelli di Giuda fissano il nulla, orbite vuote di chi non vede ormai che l’abisso. Caravaggio offre qui una delle sue prove più intense ed emozionanti, ritraendo se stesso in quell’uomo che alza la lanterna. (Caravaggio, 1598, Dublino)

foto 701749
foto 646764
foto 713986
foto 730130
Ricordi
foto 741612

Il card. Tettamanzi nei ricordi del Patriarca di Venezia. Le sue lezioni? Limpide e rigorose

L'amicizia del Patriarca di Venezia con il card. Dionigi Tettamanzi parte dai banchi di scuola del seminario, ascoltando da seminarista le sue lezioni “limpide e chiare”, e si consolida a Roma dove entrambi hanno avuto modo di lavorare fianco a fianco sui temi dell'uomo-donna, del matrimonio, della famiglia.

di Angelo Scola Patriarca di Venezia

foto 753615

LE MANI DEL PRINCIPE DEGLI APOSTOLI

Pietro LA GIUSTA STRATEGIA DEL "VICE" - È una lettura originale quella che Erri De Luca fa della figura di Pietro al canto del gallo. Non colui al quale manca il coraggio di testimoniare, ma il "vice" che ha il compito di tenere insieme i ranghi colpiti dal tradimento e dall’arresto, anche a costo di tradire il Maestro. La sua ritirata è una scelta strategica. di Erri De Luca - Le mani del Principe degli apostoli Mette le mani avanti, Pietro, come a proteggersi, come a respingere, anche fisicamente, le accuse che gli vengono mosse. O, addirittura, quelle mani le alza in segno di resa, davanti al muso inquisitorio della megera e a quel dito puntato contro di lui quasi fosse un’arma. Quale contrasto, in questo delizioso dettaglio della Maestà di Duccio da Buoninsegna, fra l’appariscente aureola dorata del principe degli apostoli e la sua, in questo momento, misera codardia... Anche lo sguardo pare perso, acquoso di quelle lacrime che ora sono di paura impotente, ma che fra un attimo saranno di rimpianto, per la consapevolezza e l’amarezza della sua umana fragilità. Poco più in alto, infatti, il gallo si prepara a cantare. E allora tutto sarà compiuto. (Duccio di Buoninsegna, 1310 circa, Siena)

foto 632054

IN BREVE

foto 631742

La scheda DIOCESI DI LODI

foto 647238

PROGRAMMA DEL CARNEVALE FOM

foto 660866
foto 657778
foto 741578

«NOLI ME TANGERE»

Maddalena L'ALLIEVA CHE HA COMPRESO L'INSEGNAMENTO DEL MAESTRO - Mentre Pietro e Giovanni se ne vanno al vedere la tomba di Gesù vuota, Maria Maddalena resta. Lei sa che il dono di aver incontrato il Signore rimane, perché è scritto nella sua storia, dentro di lei, nella sua vita, e la fa capace dell’annuncio incredibile, da diffondere in fretta, fuggendo via di corsa. di M. Giovanna Brutti - «Noli me tangere» Con infinita emozione, Maddalena ha riconosciuto in quel “giardiniere” (ecco il perchè della zappa) Cristo Risorto, e vorrebbe abbracciarlo, ebbra di gioia. Ma non è ancora il momento: «Noli me tangere», non mi toccare, gli sussurra il Signore allontanandosi dal sepolcro ormai vuoto, quasi con passo di danza. E mentre le mani sembrano potersi almeno sfiorare, Beato Angelico apre il volto di Gesù in un sorriso di amorevole benevolenza. (Beato Angelico, 1440, Firenze)

foto 701924
foto 696380
1 1.535 1.536 1.537 1.538 1.539 1.561