Dedicato a loro il servizio centrale del numero 190 del mensile di strada, in distribuzione a partire da domenica 29 marzo. E poi le storie delle “milanesi col velo”, volontarie e scout

Scarp de tenis

Il numero 190 di Scarp de’ tenis sarà in distribuzione da domenica 29 marzo. Il viaggio di Scarp continua, come ogni mese da vent’anni ormai, per raccontare la marginalità sotto altri punti di vista, senza mai dimenticare le buone pratiche e soprattutto le belle storie.

Le storia di Sarah, Esraa e Lamis

Sono giovani, suno musulmane, sono milanesi. Indossano il velo, e aiutano chi ha bisogno. #solosuscarp la storia di Esraa e Lamis, volontarie tra i profughi in Stazione Centrale. E quella di Sarah, caposcout musulmana e fondatrice dell’Associazione scout musulmani italiani.

Le città degli skaters

Il servizio di apertura del giornale è dedicato agli acrobati dello skate. Storie di chi vive le città e si sente parte di esse, storie di codici e tribù dove non importa chi sei, come sei e da dove vieni, ma importa solo quello che sai fare sulla tavola. Il viaggio di Scarp alla scoperta di un mondo parallelo fatto di trick, di incontri, ma anche di solidarietà.

Arriva Paputsi, la striscia a fumetti in esclusiva per Scarp

Grande novità. Arriva Paputsi, la striscia con le stringhe. Da un’idea di Davide Barzi e con i disegni di Gianfranco Florio e Luca Usai, la nuova striscia mensile in esclusiva per Scarp de’ tenis.

Colaprico e Mura

Come su ogni numero Scarp ospita il contributo di qualificati editorialisti. Piero Colaprico, a partire dal caso Yara, nella sua rubrica “Il taglio”, mette l’accento sul rapporto tra racconto, cronaca e giornalismo tv. Gianni Mura, invece, per “Le storie di Mura” tratteggia il ritratto di Lilian Thuram e delle sue battaglie contro il razzismo.

L’intervista a Enrico Ruggeri

Enrico Ruggeri si racconta a Scarp de’ tenis. E spiega il suo tributo a Tre Signori – Jannacci, Gaber e Faletti – nella splendida canzone presentata sul palco di Sanremo. «Maestri d’arte, tre intelligenze superiori che hanno fatto e faranno scuola».

Il racconto inedito di Antonella Cilento

Continua inoltre la serie dei racconti sui Dieci Comandamenti visti dai grandi scrittori. Sul numero in uscita “Non commettere atti impuri”, il racconto inedito della finalista al Premio Strega (e grande amica di Scarp) Antonella Cilento.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi