Alle 18 corteo da Sant’Eustorgio alla Basilica di San Lorenzo, con l’Arcivescovo, i ministri delle altre confessioni e i cittadini

insieme per l'europa Cropped Cropped

Le Chiese cristiane di Milano, le associazioni e i movimenti ecclesiali, i cittadini camminano «Insieme per l’Europa». Questo il titolo della manifestazione in programma giovedì 9 maggio, organizzata da «Le 2 Città» con il patrocinio del Comune di Milano e la collaborazione della Commissione europea. Il ritrovo è alle 18 in piazza Sant’Eustorgio, da cui muoverà il corteo che vedrà l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, camminare accanto ai ministri delle Chiese cristiane e ai cittadini; conclusione sul sagrato della Basilica di San Lorenzo.

Partecipano il Consiglio delle Chiese Cristiane di Milano (Chiesa Anglicana, Chiesa Apostolica Armena Ortodossa, Chiesa Apostolica Autocefala Ortodossa della Georgia, Chiesa Cristiana Avventista del 7° giorno, Chiesa Cattolica Ambrosiana, Chiesa Copta Ortodossa d’Egitto, Chiesa Ortodossa d’Eritrea, Chiesa Ortodossa d’Etiopia, Chiesa Cristiana Protestante Luterana e Riformata, Chiesa Evangelica Metodista, Chiesa Evangelica Valdese, Chiese Evangeliche Battiste, Chiesa di Svezia, Chiesa Ortodossa Bulgara,Chiesa Ortodossa Greca, Chiesa Ortodossa Romena, Chiesa Ortodossa Russa, Chiesa Ortodossa Serba, Esercito della Salvezza), l’Agesci regione Lombardia, l’Agesci zona Milano, l’Azione Cattolica Ambrosiana, la Comunità di Sant’Egidio, laComunità di Vita Cristiana LMS, la Federazione Scout d’Europa, il Movimento dei Focolari e Rinascita Cristiana.

L’intento è quello di dare visibilità all’impegno per costruire un’Europa fondata sulla solidarietà, sulla sussidiarietà, sulla costruzione del bene comune nel rispetto della cultura e dell’identità di popoli e nazioni; esprimere l’obiettivo condiviso dei cristiani di varie confessioni di salvaguardare i diritti umani, di divulgare l’idea della fratellanza universale, di rendere attiva l’accoglienza nei confronti di chi chiede aiuto; sostenere le ragioni che hanno consentito all’Europa di ricostruire un contesto socio-politico-economico pacifico e vivibile sulle macerie della seconda guerra mondiale.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi