Rinnovato l’accordo tra Odielle e Regione Lombardia, che permette l’impiego di persone tra i 18 e i 30 anni per progetti specifici sostenuti da contributi regionali. Domande da presentare entro il 31 agosto

educatori

Uno stimolo alle parrocchie a ripensare il loro sistema educativo, ponendosi in ascolto dei giovani, valorizzando le proprie risorse, creando una rete territoriale in alleanza con altre realtà e condividendo le buone pratiche. Questo l’obiettivo di «Giovani IN Cammino», il progetto a sostegno di giovani tra 18 e 30 anni impiegati in oratorio che, grazie a un nuovo accordo fra Oratori Diocesi Lombarde e Regione Lombardia (Assessorato allo Sviluppo Città metropolitana, Giovani e Comunicazione), si rinnova per il 2021-2022 e si arricchisce di una nuova linea di azioni.

Grazie al sostegno di «Giovani IN Cammino», i giovani possono scegliere di porsi al servizio dei più piccoli nelle forme dell’accompagnamento educativo, dell’animazione, della pratica sportiva, ecc, e di creare forme aggregative fra i coetanei che possano promuovere relazioni, cultura, prossimità. Ai giovani si può affidare la responsabilità condivisa di alcune azioni che si facciano carico in particolare delle povertà educative e siano anche occasioni di formazione personale in vista di nuovi impegni e nuove scelte.

Le comunità che vorranno aderire al progetto devono elaborare un’azione specifica, che coinvolga uno o più giovani dai 18 ai 30 anni e che si potrà realizzare fra il 1° settembre 2021 e il 31 agosto 2022 (con una durata variabile in base al progetto presentato e approvato). I progetti accolti, confermati e realizzati secondo le modalità e le tempistiche comunicate, riceveranno un contributo di 3750 euro, a fronte di almeno 6000 euro di spese rendicontabili.

Il numero di progetti attivabili per ogni Diocesi è limitato. A seconda del tipo di iniziativa messa in campo, questa avrà un proprio sviluppo temporale e una propria durata. Le aree progettuali in base alle quali costruire ciascuna proposta sono quattro: «Giovani Insieme», volta a stimolare l’aggregazione giovanile attraverso la tradizionale presenza educativa del giovane in oratorio; «Giovani IN campo», che vuole valorizzare lo sport come strumento generativo di risorse; «Giovani IN formazione», incentrata sull’elaborazione di percorsi formativi in oratorio; «Giovani INdipendenti», per favorire la sperimentazione di nuove forme di autonomia legate ai bisogni abitativi dei 20-30enni, per mezzo della realizzazione di progetti di vita comune.

Le parrocchie devono presentare la propria azione progettuale entro mercoledì 31 agosto, compilando un form online (per farlo occorre avere un account di Google) e precisando a quale delle quattro aree progettuali è riferito. Sul form online va caricata anche la domanda di adesione compilata e firmata dal legale rappresentante della parrocchia. La Diocesi di Milano, attraverso la segreteria Fom, prende visione del progetto e ne valuta la possibilità di realizzazione: in seguito a questa valutazione, la segreteria Fom dà conferma alla parrocchia, che potrà procedere con gli adempimenti amministrativi necessari. Tra questi – come avviene per tutti i lavori svolti con minori -, chi viene assunto deve presentare alla parrocchia il proprio Certificato casellario giudiziario (per info: https://www.chiesadimilano.it/avvocatura/senza-categoria/casellario-giudiziale-4346.html). L’Ufficio Avvocatura è a disposizione per fornire informazioni relative ai possibili inquadramenti contrattuali (tel. 02.8556268; avvocatura@diocesi.milano.it).

Tra le spese rendicontabili, sostenute e documentabili per le azioni progettuali realizzate, ci sono: costi per compensi di personale dipendente; costi per compensi di consulenti; costi per compensi per servizi e prestazioni professionali di terzi; costi di promozione e comunicazione; costi legati all’acquisto di beni e attrezzature non ammortizzabili legati alla realizzazione delle attività; costi di ospitalità, rimborsi, spese, missioni, vitto e alloggio; costi per il noleggio di strumentazioni e attrezzature; costi connessi alle attività di tutoraggio e formazione; costi di assicurazioni. La liquidazione del contributo da parte di Regione Lombardia avverrà a seguito di una idonea rendicontazione delle spese realmente sostenute, nei limiti massimi già citati.

Nel corso dell’anno Odielle organizzerà incontri di formazione rivolti ai giovani coinvolti e ai referenti delle parrocchie aderenti, di cui saranno comunicati tempi e modalità.

Per chiarimenti e ulteriori informazioni: Fom (via S. Antonio 5, 20122 Milano; tel. 02.58391355; segreteriafom@diocesi.milano.it)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi