In Cattolica inaugurata dall'Arcivescovo la mostra sull'azione del Cardinale nel contesto continentale, realizzata con il contributo della Fondazione a lui intitolata e visitabile fino al 20 dicembre

di Annamaria BRACCINI

mostra in Cattolica

Una mostra documentaria e audiovisuale per raccontare l’azione del cardinale Carlo Maria Martini in Europa e per l’Europa. È la rassegna dal titolo “Per un’Europa unita. Il futuro dell’Europa nel pensiero e nell’opera di Carlo Maria Martini”, visitabile fino al 20 dicembre nel Cortile d’onore dell’Università Cattolica. Realizzata con il contributo della Fondazione Carlo Maria Martini, che ha messo a disposizione il ricco archivio per l’analisi dei documenti esposti, la mostra è stata inaugurata dall’Arcivescovo alla presenza del rettore Franco Anelli, dell’assistente ecclesiastico generale monsignor Claudio Giuliodori, del preside della Facoltà di Lettere e filosofia Angelo Bianchi, del direttore del Dipartimento di Scienze religiose Marco Rizzi e del presidente della Fondazione Carlo Maria Martini padre Carlo Casalone.

Interessanti le ragioni da cui è nata l’idea dell’iniziativa, che intende ricordare anche i 50 anni del Dipartimento di Scienze religiose della Cattolica – fondato nel 1969 dal rettore Giuseppe Lazzati e da padre Raniero Cantalamessa -, e i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino nel 1989.

L’indagine alla base della mostra è stata condotta da Francesca Perugi e ha permesso di ricostruire in dettaglio la vicenda della Chiesa europea negli anni del cruciale passaggio dal Continente diviso dalla Guerra Fredda, alla stagione dell’entusiasmo e della speranza per una nuova Europa, unita e solidale, inaugurata appunto dalla caduta del Muro di Berlino.

Un tema, quello dell’Europa «che, all’epoca di Martini, era scontato e che ora ci troviamo a dover difendere. Le grandi idee vanno coltivate continuamente e, in questo, il contributo del Cardinale è stato fondamentale. Il suo è un esempio a cui tornare», ha specificato il rettore Anelli, mentre «grato dell’approfondimento del pensiero del cardinale Martini a cui l’Università continua a ispirarsi», si è detto l’Arcivescov.

«La capacità martiniana di guardare avanti è una lezione. Anche per questo l’esposizione risponde alla logica dell’attività tipica dell’Università: formazione, ricerca e comunicazione dei risultati mirata soprattutto agli studenti», nota il preside Bianchi. Ricorda monsignor Giuliodori: «Più la memoria si sofferma sul suo ruolo di Presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa, ricoperto tra il 1986 e il 1993, più emerge la premura e l’attenzione che Martini ebbe allo scopo di creare ampie opportunità di dialogo, lavorando per un rilancio di speranza e di apertura di orizzonti. Celebrare i 50 anni del Dipartimento di Scienze religiose con questa mostra permette di cogliere alcune piste di pensiero alla vigilia dei 100 anni dell’Ateneo, da vivere in un contesto di progressiva internazionalizzazione».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi