Presso la parrocchia di San Marco a Milano il Convegno Mondialità organizzato da Caritas Ambrosiana, Pastorale missionaria e Pastorale migranti. Gualzetti: «I Centri per i profughi sono pieni: prepariamoci o sarà emergenza»

profughi

«Europa, terra promessa? L’esodo e la tentazione dei muri» è il tema del Convegno Mondialità 2016, organizzato da Caritas Ambrosiana, Pastorale missionaria e Pastorale migranti dell’Arcidiocesi di Milano, in programma sabato 16 aprile, dalle 9.30 alle 13, presso la parrocchia di San Marco a Milano (piazza San Marco). Il convegno intende offrire alcune riflessioni sull’articolato rapporto tra il nostro continente e l’afflusso di migranti/rifugiati, cercando di rispondere ad alcuni interrogativi: che cosa sta realmente accadendo in Europa? Quali le questioni aperte, vecchie e nuove? Quali posizioni emergono all’interno dei Paesi europei e in quale direzione è opportuno andare? Dopo l’introduzione di monsignor Luca Bressan, vicario episcopale, interverranno Catherine Wihtol de Wenden (politologa e sociologa francese) e padre Giacomo Costa (gesuita, direttore di Aggiornamenti Sociali). Seguiranno tre testimonianze su altrettanti casi emblematici: Calais (la frontiera interna), Belgrado (la rotta balcanica) e Milano (l’accoglienza temporanea).

«La storia europea dello scorso secolo ci ha insegnato che i muri non servono ad arginare la disperazione delle persone e le fughe verso la vita di chi non ha più nulla da perdere. Per questo i muri fisici e burocratici che si stanno erigendo in questi giorni, annunciati o già realizzati, dal Brennero a Idomeni, non solo rappresentano un fallimento dell’Europa, ma potrebbero avere conseguenze gravi anche su Milano, trasformandola di nuovo nel terminale delle rotte dei migranti, per di più con un’aggravante rispetto al passato. Se, infatti, non vi sarà un’inversione di marcia a livello europeo e nazionale, molto probabilmente il capoluogo lombardo avrà a che fare con un’emergenza umanitaria ancora più grave di quella dei mesi successivi all’ottobre 2013: perché non sarà più raggiunto da migranti in transito verso i Paesi del Nord, ma da persone che chiederanno asilo in Italia e dunque si fermeranno da noi. Occorre farsi trovare pronti e preparati per accogliere in modo dignitoso queste persone, in continuità con quanto la tradizione milanese ha sempre dimostrato di saper fare», sostiene Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana.

«Finora Milano ha fatto la sua parte: sarebbe interessante e molto utile sapere dai candidati alla guida della città, se e come intendono affrontare la situazione, visto che l’accoglienza dei migranti sarà una delle priorità che il nuovo sindaco, chiunque esso sia, dovrà affrontare probabilmente già nei primi 100 giorni di governo», ha esortato Gualzetti.

Secondo il direttore di Caritas Ambrosiana questa seconda fase dell’emergenza dovrà chiamare in causa nel territorio della Diocesi non solo Milano, ma più direttamente anche la sua area metropolitana vasta: «Non è più possibile che le Prefetture ci chiedano di trovare nuove strutture e i Comuni si mettano di traverso, scaricando il problema sul vicino, come purtroppo sta accadendo ora. Occorre superare la logica egoistica della paura che non porta a nulla e prendere coscienza di quanto sta accadendo nel mondo intorno a noi. In attesa di una riforma del sistema Sprar – che in una logica solidaristica e di corresponsabilità renda l’adesione dei Comuni non più volontaria, ma obbligatoria e per quote -, serve un sussulto di responsabilità da parte dei politici locali al di fuori degli schieramenti e degli approcci ideologici. La Caritas e la Chiesa non si tireranno indietro, ma serve il contributo di tutti gli attori pubblici e privati», chiarisce Gualzetti.

Dalla scorsa estate Caritas Ambrosiana è impegnata nelle creazione di un piano di accoglienza diffusa dei migranti nelle parrocchie e negli istituti che sommandosi al centri già gestiti dall’insieme delle realtà ecclesiali è già giunto ad una capienza di mille posti suddivisi in 109 strutture. Dai centri più grandi di prima accoglienza, i migranti vengono ricollocati nelle strutture più piccole in genere appartamenti, capaci di ospitare nuclei familiari o al massimo 4-5 persone, dove è possibile avviare percorsi di integrazione, contando oltre che sui servizi, stabiliti dalle convezioni, anche sul contributo dei volontari e delle famiglie tutor.

Ora il cambiamento della natura dei flussi migratori, bloccando il turnover, sta saturando il sistema. Ad esempio a Casa Suraya, il primo centro aperto per l’emergenza siriana, il flusso dei migranti in transito si è interrotto. Ora gli ospiti sono tutti richiedenti asilo, per il 45% nigeriani, o “dublinati”, in genere eritrei, somali e iracheni, migranti che erano stati identificati in Italia, hanno raggiunto un altro paese europeo e da lì sono stati riaccompagnati nel nostro paese per effetto degli accordi di Dublino. Queste persone non si fermeranno solo per pochi giorni come avveniva in passato, ma avranno diritto di rimanere nel centro fino a quando la commissione territoriale non avrà esaminato la domanda, quindi per un tempo che può arrivare anche a un anno e oltre.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi