Nel corso della sua Peregrinazione l’urna del Santo dei giovani è in arrivo in Diocesi: diversi gli appuntamenti e le iniziative, che culmineranno nella celebrazione in Sant’Ambrogio con l’Arcivescovo

di Mario PISCHETOLA

IL VOLANTINO COL PROGRAMMA COMPLETO

È ormai partito il conto alla rovescia verso l’incontro della nostra Diocesi con il «padre e maestro della gioventù», San Giovanni Bosco. La Peregrinazione dell’urna del Santo dei giovani si svolgerà in cinque giornate intense in terra ambrosiana (prima tappa del suo viaggio in Lombardia).

Il primo incontro sarà a Varese nella Basilica di San Vittore, dove l’urna di don Bosco sosterà per l’intera mattinata di venerdì 31 gennaio, giorno in cui si celebra la sua memoria liturgica. Partirà poi per il Seminario arcivescovile di Venegono, incontrando nel primo pomeriggio i seminaristi ambrosiani.

Due chiese parrocchiali dedicate a San Giovanni Bosco, a Olgiate Olona (al Gerbone) e a Seregno (al Ceredo), accoglieranno la Peregrinazione nel tardo pomeriggio e nella serata del 31 gennaio, quando tutte le comunità educanti saranno chiamate a radunarsi celebrando in diverse forme, nella propria realtà locale, il Santo dei giovani. Altre due chiese parrocchiali dedicate a don Bosco saranno visitate nel corso della Peregrinazione: nella sera di domenica 2 febbraio a Milano (Baggio) e nella sera di lunedì 3 febbraio a Sesto San Giovanni.

Nella mattinata di sabato 1 febbraio don Bosco sarà a Lecco, nella Basilica di San Nicolò, per poi partire alla volta di Milano.

Saranno le catechiste e i catechisti della Diocesi ad accogliere l’urna di san Giovanni Bosco nel capoluogo lombardo, con una preghiera in Duomo che avrà inizio alle 14. La celebrazione sarà presieduta dal Vicario generale, monsignor Mario Delpini. Per due pomeriggi, sabato 1 e martedì 4 febbraio, la Cattedrale sarà la cornice di una visita prolungata, dove i protagonisti saranno i ragazzi degli oratori e delle scuole, accompagnati da genitori, educatori e insegnanti. Alle 17.30 di sabato 1 in Duomo, monsignor Erminio De Scalzi presiederà l’eucaristia, a cui sono invitati a concelebrare i sacerdoti e a partecipare i fedeli della Diocesi.

Un momento altamente suggestivo sarà dedicato agli adolescenti, chiamati nella serata di sabato 1 febbraio a compiere un itinerario spirituale all’interno del Duomo, aperto in esclusiva per loro. Il testimone passerà ai giovani che, intorno alla mezzanotte, partiranno alla volta della chiesa salesiana di Sant’Agostino (zona Stazione Centrale), in una originale “passeggiata” notturna con don Bosco. Sempre i giovani si daranno appuntamento alle 16 di domenica 2 febbraio per l’eucaristia in Sant’Agostino (via Copernico 9).

Lunedì 3 febbraio don Bosco “farà visita” al carcere minorile Cesare Beccaria. Il cardinale Dionigi Tettamanzi celebrerà l’eucaristia e conferirà i sacramenti ad alcuni minori detenuti. A seguire le religiose e le consacrate saranno chiamate a una preghiera di intercessione per i più giovani, proprio nella cappella del carcere minorile, mentre i ragazzi del Beccaria “si racconteranno” a una delegazione di coetanei dei collegi arcivescovili. Nel pomeriggio, dopo aver sostato presso la comunità Kàiros di Vimodrone, don Bosco incontrerà gli oratori di Melzo in rappresentanza di tutti gli oratori ambrosiani.

La conclusione solenne della Peregrinazione sarà riservata alle “comunità educanti” che si raduneranno con l’Arcivescovo Angelo Scola per l’eucaristia nella Basilica di Sant’Ambrogio a Milano, martedì 4 febbraio alle 21, a conclusione di una fiaccolata nel centro della città che partirà dal Duomo alle 20.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi