Nel paese natale di don Gianola l’Arcivescovo ha presieduto i funerali del sacerdote ambrosiano vittima in settimana di una sciagura in montagna. Pubblichiamo la sua omelia

STE_5649.JPG

«Insieme con il Figlio crocifisso, insieme con don Graziano, gridiamo anche noi, grida la Chiesa: perché? E nel grido la protesta e la preghiera ostinata: Padre! Padre!». Prendendo spunto dal grido lanciato da Cristo in croce, inizia così l’omelia che l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha pronunciato questa mattina nel corso dei funerali di don Graziano Gianola, celebrati a Premana, paese natale del sacerdote ambrosiano vittima in settimana di una sciagura in montagna.

Ma dopo il disperato interrogativo iniziale, l’omelia dell’Arcivescovo prosegue con «l’ultimo grido» di Gesù sulla croce: «Eccomi, io sto con te, Padre, dovesse costarmi la vita! Eccomi!». E allora, «insieme con il Figlio consegnato fino alla morte, grida don Graziano: eccomi, Padre! Per fare la tua volontà, per continuare ad amarti e ad amare i fratelli e le sorelle: eccomi, io e i figli che Dio mi ha dato (Eb 2,13). Insieme con il Figlio crocifisso, insieme con don Graziano gridiamo anche noi, grida la Chiesa il grido indecifrabile: eccomi!».

Per poi lasciare spazio a un nuovo grido, che è «inatteso, sconcertante, sconvolgente. Un grido di vittoria. Alleluia! Gloria a Dio!». «È il grido più difficile da imparare, è il grido più difficile tra le lacrime degli affetti che sembrano spezzati per sempre, nella desolazione dell’irreparabile – riconosce l’Arcivescovo -. Ma don Graziano si unisce al grido di Gesù e vuole gridare “Alleluia! Lode, gloria, onore, al nostro Dio!”, perché vuole consolare la mamma e i fratelli e gli amici più cari. Vorrebbe squarciare i cieli e rivelare la gloria di Dio per insegnare il cantico dell’esultanza crocifissa, della gioia invincibile e insieme impossibile. Così canta anche la Chiesa, così gridiamo tutti insieme con le lacrime: Alleluia!».

«La celebrazione del funerale di don Graziano non è il contesto per riflessioni e insegnamenti – sottolinea monsignor Delpini -. C’è qualche cosa che si spezza, come un vaso prezioso che contiene un profumo di grande valore e nello spezzarsi irreparabile del vaso prezioso, nel diffondersi del profumo in tutta la casa non c’è posto se non per un grido. Il grido che maledice la morte: perché? Il grido che conferma la fede: eccomi. Il grido che attraversa gli abissi: alleluia! Alleluia».

Alla cerimonia funebre – che ha fatto seguito a quella svoltasi ieri nella parrocchia di Santa Maria del Buon Consiglio a Milano (di cui don Graziano era Vicario) e presieduta dal Vescovo ausiliare monsignor Luca Raimondi – ha partecipato una folla numerosa e commossa, che si è stretta attorno ai familiari di don Gianola. Il 47enne sacerdote ambrosiano è morto nel pomeriggio di lunedì 12 luglio all’ospedale Santa Chiara di Trento, a seguito delle gravi ferite riportate in una caduta in un dirupo, mentre si trovava in vacanza a Brentonico con una sessantina di ragazzi del suo oratorio e una suora.

Prete dal 2004, dopo le prime esperienze nelle parrocchie di Sesto San Giovanni, Buccinasco e Assago, dal 2013 don Graziano era Vicario parrocchiale in Santa Maria del Buon Consiglio (dal 2014 unitasi alla parrocchia dei Santi Giovanni e Paolo nella Cp Gesù Buon Pastore). Era anche docente di religione cattolica nella scuola secondaria di primo grado, formatore nell’Istituto secolare delle Apostole del Sacro Cuore e autore di volumi pubblicati da Ancora.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi