Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Ricordo

«Don Graziano, un uomo libero e innamorato del Signore»

Don Tommaso Castiglioni, decano di Affori e compagno di Seminario di don Gianola, descrive alcuni tratti del suo carattere e del suo stile pastorale. Funerali giovedì 15 luglio in Santa Maria del Buon Consiglio a Milano e venerdì 16 a Premana (presieduti dall'Arcivescovo)

di Luisa BOVE

13 Luglio 2021
Don Graziano Gianola con papa Francesco

«Non ho un ricordo di don Graziano che non sia sorridente, contento, sereno e allegro». A dirlo è don Tommaso Castiglioni, compagno di Messa di don Graziano Gianola – morto lunedì in montagna durante una gita a Brentonico con i ragazzi – e dal febbraio scorso decano di Affori, che comprende anche la Comunità pastorale in cui il giovane sacerdote svolgeva il suo ministero. «Lo ricordo anche nei momenti più personali e amicali, quando si andava in giro – aggiunge -, ma anche dal punto di vista pastorale, quando ci incontravamo tra preti e lavoravamo insieme».

E cos’altro può dire?
Era un uomo molto libero, innamorato del Signore, che riusciva a superare anche le difficoltà che ci sono sempre nella vita, ma con grande umorismo, con un grande sorriso e con un grande ottimismo. Il suo esempio era di guardare le cose belle, non quelle brutte.

Forse è ciò che resterà anche nel cuore dei ragazzi…
Speriamo che facciano tesoro della sua serenità, che non è la serenità di chi accantona i problemi o non li guarda, ma la serenità di chi li mette davanti al Signore e li lascia trasfigurare nella sua bellezza.

Don Graziano era già così fin dai tempi del Seminario?
Assolutamente sì. Sempre con la chitarra in mano, cantava, ci portava a fare le passeggiate in montagna. Da amico mi consola molto che sia morto in montagna e con i suoi ragazzi, perché sono due delle sue passioni. Una vita compiuta fino alla fine. Aveva appena pubblicato un libro con Ancora, Guariti da Gesù, frutto delle riflessioni fatte durante il lockdown: si tratta di meditazioni a partire dagli incontri di Gesù con le persone malate.

Funerali a Milano e Premana

Alle 12.30 di mercoledì 14 luglio il feretro di don Graziano Gianola sarà portato nella chiesa parrocchiale di Santa Maria del Buon Consiglio alla Bovisa (via Ricotti 10, Milano), che resterà aperta fino a mezzanotte e dove giovedì 15 luglio, alle 9, si terranno i funerali presieduti da monsignor Luca Raimondi, Vescovo ausiliare. Le esequie saranno poi celebrate anche a Premana, venerdì 16 luglio alle 10, e saranno presiedute dall'Arcivescovo.

Leggi anche

Ricordo
don-Graziano-Gianola-1

Don Graziano, ti accompagniamo al Signore

Don Marco Fusi dà voce a familiari, amici, comunità e confratelli che hanno conosciuto il sacerdote perito in un incidente in montagna e ne hanno apprezzato la passione educativa. Funerali giovedì 15 luglio a Milano e venerdì 16 a Premana (presieduti dall'Arcivescovo)

di don Marco FUSIResponsabile del Servizio per i Giovani e l’Università

Ricordo
DON GRAZIANO GIANOLA H

«Don Graziano, una predicazione ricca di brio»

Il parroco di Premana don Mauro Ghislanzoni si stringe ai familiari del giovane prete perito in montagna. Nella sua comunità venerdì mattina l’Arcivescovo presiederà i funerali, preceduti da quelli celebrati giovedì mattina a Milano

di Luisa BOVE