Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/caritas-poverta-generazioni-lombardia-2513737.html
Share

Ricerca

Da una generazione all’altra, così si trasmette la povertà in Lombardia

Presentata a Milano «Pavimenti appiccicosi», indagine condotta dalle 10 Caritas diocesane della Regione. Dall'analisi quantitativa e qualitativa emerge che per spezzare la catena i soli aiuti materiali non bastano, se non sono affiancati da accompagnamenti a lungo termine

20 Ottobre 2023

È stato presentato questa mattina a Milano, nella sede di Caritas Ambrosiana, il rapporto «Pavimenti appiccicosi. La povertà intergenerazionale in Lombardia», promosso e curato dalla Delegazione regionale Caritas (vedi qui il testo integrale).

Il rapporto è la prima declinazione regionale della ricerca nazionale, presentata un anno fa da Caritas Italiana, e si basa su evidenze raccolte dai Centri d’ascolto ed elaborate dagli Osservatori delle povertà e delle risorse delle 10 Caritas diocesane che fanno capo alla Delegazione. Oltre a elaborare dati quantitativi, propone testimonianze e approfondimenti qualitativi (qui una sintesi, qui tabelle e grafici).

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

Come far fronte al fenomeno

«Ci siamo accorti che anche nella regione più ricca d’Italia il problema della povertà come fatica che si tramanda, se non addirittura come destino, è un tema rilevante – ha esordito don Roberto Trussardi (direttore di Caritas Bergamo, delegato regionale Caritas) -. Alle Caritas di Lombardia spetta il compito di fare scelte e avviare progetti che diano risposte concrete al fenomeno. Il Rapporto sottolinea che per spezzare la catena della povertà intergenerazionale i soli aiuti materiali non paiono risolutivi, se non affiancati da accompagnamenti a lungo termine basati su relazioni di fiducia e dall’inserimento attivo delle persone in povertà nelle rispettive comunità. Ciò è fondamentale per superare la sfiducia nel futuro e la convinzione che un riscatto non sia possibile, che spesso attanagliano i poveri, orientandoli a uno stile di vita passivo, basato sull’assistenzialismo».

Un momento della presentazione

Operare sulla fiducia

«Come spezzare la catena di trasmissione delle povertà? – si è chiesta Vera Pellegrino (sociologa, consulente di Caritas Italiana, curatrice della ricerca insieme a Meri Salati) –. Anzitutto potenziando le opportunità scolastiche, educative e formative, soprattutto in alcuni ambienti, come le periferie urbane. Poi, provando a incidere sull’offerta di lavoro dignitoso, perché la presenza di working poor è forte, e operando sulla fiducia, da parte delle persone in povertà, rispetto al fatto che un buon lavoro possa realmente cambiare la loro vita. E intervenendo infine sulla “narrazione di sé” che i poveri fanno, per superare lo stigma di cui sono vittime e l’autoesclusione che arrivano a infliggersi, attraverso il potenziamento dell’autostima e della partecipazione alle reti comunitarie»..

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

Lavorare in rete

«Un monito fornito da questa ricerca è che la povertà interessa tutti, essendo penetrata in profondità nelle nostre comunità – ha osservato Davide Maggi (economista, Fondazione Cariplo) -. Il cambiamento d’epoca in cui ci troviamo impone di affrontare questo fenomeno, di estrema complessità, non in ottica riformativa, ma trasformativa. Creando logiche connettive tra tutti i soggetti (istituzionali, sociali, comunitari) che devono affrontarlo: bisogna lavorare in modo coordinato sulla capacitazione, soprattutto dei giovani, affinché provino ad andare oltre il condizionamento derivante dalla povertà della propria famiglia d’origine».

.