Per ricordare il parroco di Giussano scomparso il 19 marzo, è stata istituita una raccolta di fondi a favore del progetto avviato in collaborazione tra Servizio diocesano per la Famiglia e Caritas Ambrosiana e finalizzato all'orientamento all'affido e all'adozione

Mauro COLOMBO
Redazione

In memoria di don Silvano Caccia, il parroco di Giussano scomparso il 19 marzo, è stata istituita una raccolta di fondi a favore dello Sportello Anania, un progetto avviato in collaborazione tra Servizio diocesano per la Famiglia e Caritas Ambrosiana e finalizzato all’orientamento all’affido e all’adozione. I contributi vanno indirizzati a: Fondazione Caritas Ambrosiana, c/c 19188 – Agenzia 1 di Milano Credito Artigiano IBAN IT 75 I 03512 01602 000000019188; causale: Don Silvano Caccia.
Lo Sportello Anania nasce da una riflessione condivisa sui temi della famiglia che accoglie e del diritto di ogni minore ad avere una famiglia. L’attenzione dell’Area minori di Caritas Ambrosiana nei confronti dei diritti e dei bisogni dell’infanzia e dell’adolescenza e le riflessioni del Servizio diocesano sul ruolo della famiglia quale risorsa per la comunità, si sono incontrate trovando nel tema dell’accoglienza un fondamento della comunità cristiana da riscoprire e valorizzare.
L’idea progettuale consiste nel promuovere la cultura dell’accoglienza e in particolare i percorsi di affido e adozione, quali opportunità per tradurre in scelte concrete i valori della solidarietà e della gratuità nella loro dimensione comunitaria e sociale. Riconoscere l’accoglienza come parte costitutiva di sé rende infatti la persona e la famiglia capaci di uscire dal proprio spazio privato e di diventare una risorsa nella comunità.
Ogni famiglia, ciascuna con modalità e tempi differenti, ha la possibilità di scoprire il valore di questa “apertura” e di rendersi accogliente nei confronti dell’altro. Questa scelta, profondamente umana, trova nei percorsi di fede e nell’appartenenza alla comunità cristiana una prospettiva di arricchimento e di sostegno. Lo Sportello si propone di rispondere alle richieste di orientamento relative a tali percorsi e di contribuire alla promozione e diffusione della cultura dell’accoglienza. In memoria di don Silvano Caccia, il parroco di Giussano scomparso il 19 marzo, è stata istituita una raccolta di fondi a favore dello Sportello Anania, un progetto avviato in collaborazione tra Servizio diocesano per la Famiglia e Caritas Ambrosiana e finalizzato all’orientamento all’affido e all’adozione. I contributi vanno indirizzati a: Fondazione Caritas Ambrosiana, c/c 19188 – Agenzia 1 di Milano Credito Artigiano IBAN IT 75 I 03512 01602 000000019188; causale: Don Silvano Caccia.Lo Sportello Anania nasce da una riflessione condivisa sui temi della famiglia che accoglie e del diritto di ogni minore ad avere una famiglia. L’attenzione dell’Area minori di Caritas Ambrosiana nei confronti dei diritti e dei bisogni dell’infanzia e dell’adolescenza e le riflessioni del Servizio diocesano sul ruolo della famiglia quale risorsa per la comunità, si sono incontrate trovando nel tema dell’accoglienza un fondamento della comunità cristiana da riscoprire e valorizzare.L’idea progettuale consiste nel promuovere la cultura dell’accoglienza e in particolare i percorsi di affido e adozione, quali opportunità per tradurre in scelte concrete i valori della solidarietà e della gratuità nella loro dimensione comunitaria e sociale. Riconoscere l’accoglienza come parte costitutiva di sé rende infatti la persona e la famiglia capaci di uscire dal proprio spazio privato e di diventare una risorsa nella comunità.Ogni famiglia, ciascuna con modalità e tempi differenti, ha la possibilità di scoprire il valore di questa “apertura” e di rendersi accogliente nei confronti dell’altro. Questa scelta, profondamente umana, trova nei percorsi di fede e nell’appartenenza alla comunità cristiana una prospettiva di arricchimento e di sostegno. Lo Sportello si propone di rispondere alle richieste di orientamento relative a tali percorsi e di contribuire alla promozione e diffusione della cultura dell’accoglienza. – L’addio della DiocesiLa biografia e il ricordoChe cos’è lo Sportello Anania�

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi