In diocesi si celebreranno le quattro giornate che mettono a tema la famiglia, la vita, la malattia e il lavoro

di Luisa BOVE
Redazione

La diocesi invita tutti i fedeli ambrosiani a «celebrare l’amore di Dio nella vita quotidiana» attraverso quattro giornate che rimettono al centro il tema della famiglia, della vita, della malattia e del lavoro. Difficile distinguere questi diversi aspetti dell’esistenza che toccano davvero tutti, direttamente o indirettamente, e che la Chiesa milanese rilancia sotto l’unico slogan: “Pietre vive per un mondo nuovo”. È chiaro il riferimento al sacerdozio laicale, che attraverserà quindi le quattro giornate. L’Arcivescovo, nella sua lettera all’inizio dell’anno pastorale si chiedeva infatti: «In che senso tutti i cristiani sono sacerdoti?». E rispondeva così: «Essere sacerdoti significa dare spazio al mistero di luce e di grazia che già abita in noi». Ecco quindi lo spirito con quale vivere in tutte le parrocchie e a livello diocesano i quattro appuntamenti: 31 gennaio, Festa della famiglia, su “Il sacerdozio coniugale, una vocazione al servizio dell’amore”; 7 febbraio, Giornata per la vita, “Un popolo sacerdotale si prende cura della vita”; 11 febbraio, Giornata mondiale del malato, “Una comunità sacerdotale serve con amore chi soffre”; 14 febbraio, Giornata della solidarietà, “Il lavoro: vocazione di ogni persona nel mondo”. La diocesi invita tutti i fedeli ambrosiani a «celebrare l’amore di Dio nella vita quotidiana» attraverso quattro giornate che rimettono al centro il tema della famiglia, della vita, della malattia e del lavoro. Difficile distinguere questi diversi aspetti dell’esistenza che toccano davvero tutti, direttamente o indirettamente, e che la Chiesa milanese rilancia sotto l’unico slogan: “Pietre vive per un mondo nuovo”. È chiaro il riferimento al sacerdozio laicale, che attraverserà quindi le quattro giornate. L’Arcivescovo, nella sua lettera all’inizio dell’anno pastorale si chiedeva infatti: «In che senso tutti i cristiani sono sacerdoti?». E rispondeva così: «Essere sacerdoti significa dare spazio al mistero di luce e di grazia che già abita in noi». Ecco quindi lo spirito con quale vivere in tutte le parrocchie e a livello diocesano i quattro appuntamenti: 31 gennaio, Festa della famiglia, su “Il sacerdozio coniugale, una vocazione al servizio dell’amore”; 7 febbraio, Giornata per la vita, “Un popolo sacerdotale si prende cura della vita”; 11 febbraio, Giornata mondiale del malato, “Una comunità sacerdotale serve con amore chi soffre”; 14 febbraio, Giornata della solidarietà, “Il lavoro: vocazione di ogni persona nel mondo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi