A�Milano il vescovo emerito di Crema�morto oggi ha ricoperto diversi incarichi: assistente dell'Ac, direttore dell'Ufficio di Pastorale sociale, vescovo ausiliare, vicario di zona e Abate di Sant'Ambrogio


Redazione

Monsignor Libero Tresoldi, morto oggi a 88 anni, era nato a Rivolta d’Adda il 18 gennaio 1921. Si trasferì con la famiglia a Milano nel 1924.
Il 29 maggio 1943 venne ordinato sacerdote dal cardinale Schuster, che lo inviò come coadiutore nella parrocchia milanese di S. Maria alla Fontana, il cui parroco era monsignor Ennio Bernasconi, futuro Abate di S. Ambrogio. Nel 1951 divenne coadiutore nella parrocchia di S. Francesca Romana, sempre a Milano.
Nella diocesi ambrosiana monsignor Tresoldi ha ricoperto diversi incarichi. Nel 1961 il cardinale Giovanni Battista Montini lo nominò Assistente diocesano delle donne di Azione Cattolica. Nel 1964 assunse l’incarico di direttore dell’Ufficio diocesano di Pastorale sociale; contemporaneamente il cardinale Giovanni Colombo lo nominò Delegato arcivescovile e Assistente ecclesiale dell’Azione Cattolica diocesana.
Il 28 settembre 1970 ricevette da Papa Paolo VI la nomina episcopale a Vescovo titolare di Altino e Ausiliare di Milano. Venne ordinato Vescovo il 22 novembre 1970 e nominato Vicario episcopale per la Zona pastorale 1 – Milano.
Dal 1976 sino al 1981 fu Abate della Basilica di S. Ambrogio.
Trasferito alla sede di Crema il 10 dicembre 1981, ha guidato la Chiesa cremasca fino all’11 luglio 1996, quando ha rinunciato all’ufficio pastorale per raggiunti limiti d’età.
La camera ardente di monsignor Tresoldi sarà allestita da domani, venerdì 23 ottobre, nella chiesa di San Sigismondo presso Sant’Ambrogio, dalle 9.30 alle 20.
Sabato 24 ottobre, alle 9, nella Basilica di Sant’Ambrogio, saranno celebrati i funerali presieduti dall’Arcivescovo cardinale Dionigi Tettamanzi.
Nel pomeriggio, alle 15, rito funebre nel Duomo di Crema. Monsignor Libero Tresoldi, morto oggi a 88 anni, era nato a Rivolta d’Adda il 18 gennaio 1921. Si trasferì con la famiglia a Milano nel 1924.Il 29 maggio 1943 venne ordinato sacerdote dal cardinale Schuster, che lo inviò come coadiutore nella parrocchia milanese di S. Maria alla Fontana, il cui parroco era monsignor Ennio Bernasconi, futuro Abate di S. Ambrogio. Nel 1951 divenne coadiutore nella parrocchia di S. Francesca Romana, sempre a Milano.Nella diocesi ambrosiana monsignor Tresoldi ha ricoperto diversi incarichi. Nel 1961 il cardinale Giovanni Battista Montini lo nominò Assistente diocesano delle donne di Azione Cattolica. Nel 1964 assunse l’incarico di direttore dell’Ufficio diocesano di Pastorale sociale; contemporaneamente il cardinale Giovanni Colombo lo nominò Delegato arcivescovile e Assistente ecclesiale dell’Azione Cattolica diocesana.Il 28 settembre 1970 ricevette da Papa Paolo VI la nomina episcopale a Vescovo titolare di Altino e Ausiliare di Milano. Venne ordinato Vescovo il 22 novembre 1970 e nominato Vicario episcopale per la Zona pastorale 1 – Milano.Dal 1976 sino al 1981 fu Abate della Basilica di S. Ambrogio.Trasferito alla sede di Crema il 10 dicembre 1981, ha guidato la Chiesa cremasca fino all’11 luglio 1996, quando ha rinunciato all’ufficio pastorale per raggiunti limiti d’età.La camera ardente di monsignor Tresoldi sarà allestita da domani, venerdì 23 ottobre, nella chiesa di San Sigismondo presso Sant’Ambrogio, dalle 9.30 alle 20.Sabato 24 ottobre, alle 9, nella Basilica di Sant’Ambrogio, saranno celebrati i funerali presieduti dall’Arcivescovo cardinale Dionigi Tettamanzi.Nel pomeriggio, alle 15, rito funebre nel Duomo di Crema.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi