In 40 anni ha accompagnato oltre un milione di fedeli


Redazione

Dal 18 aprile 1969 a oggi, Duomo Viaggi e Turismo ha accompagnato il cammino e le stagioni della diocesi ambrosiana. Fondata da monsignor Libero Tresoldi, allora assistente generale dell’Azione Cattolica milanese e recentemente scomparso, ebbe come suo primo presidente monsignor Teresio Ferraroni, poi vescovo di Como. In quegli anni ad animarla e sostenerla era soprattutto l’Azione Cattolica finché, dagli anni Ottanta, non divennero presidenti monsignor Giovanni Saldarini, monsignor Erminio De Scalzi e monsignor Gianfranco Ravasi. La diocesi, che nel frattempo aveva dato vita all’Ufficio diocesano per la Pastorale del Turismo e dei pellegrinaggi, ne assume direttamente il controllo e da allora l’agenzia e l’Ufficio “viaggiano” in parallelo nel sostenere e promuovere il pellegrinaggio e il turismo religioso delle parrocchie.
In tutti questi anni, grazie all’aiuto dei presidenti biblisti e di appassionati come don Paolo Acquistapace o don Romeo Maggioni, la Duomo Viaggi ha innovato itinerari e modalità di realizzazione e partecipazione ai pellegrinaggi nelle terre della Bibbia e ora il suo catalogo prevede ben 14 itinerati tematici.
Accanto alla Terra Santa, l’altra meta che ha segnato e continua a caratterizzare l’attività dell’agenzia è Lourdes. Infatti l’origine lontana della Duomo Viaggi è un comitato storico, ancora esistente, che è il “Pro Palestina e Lourdes”, fondato nel 1905 e il cui attuale presidente è monsignor De Scalzi. La partecipazione al flusso dei pellegrini di Lourdes è sempre stata caratterizzata dall’aspetto comunitario, parrocchiale, dei pellegrinaggi; si è cercato di stimolare le singole comunità a prendersi cura dei loro ammalati. In questo compito aiuta molto il Cvs (Centro volontari della sofferenza) che quotidianamente nelle parrocchie sostiene l’animazione pastorale dei sofferenti.
In questi 40 anni Duomo Viaggi ha accompagnato oltre 500 mila ambrosiani sulle strade del mondo per vivere appieno l’esperienza del pellegrinaggio e recuperare una dimensione spirituale della propria umanità. Se poi consideriamo le occasioni straordinarie, come i giubilei, le visite a Roma per ringraziamenti o beatificazioni, il numero di coloro che hanno viaggiato con Duomo Viaggi supera abbondantemente il milione.
Oggi il presidente è don Roberto Davanzo, direttore della Caritas Ambrosiana, e questo aiuta a individuare nuovi compiti e impegni. Innanzitutto porta ad avere una particolare attenzione per il mondo missionario e verso i Paesi poveri. La Duomo Viaggi ha individuato alcuni itinerari per andare a vedere “l’altro mondo in un altro modo”. In Zambia, in Camerun, il Perù, in Cina, ovunque sono presenti missionari e fidei donum stimolerà viaggi di solidarietà e di gemellaggio tra le parrocchie ambrosiane e quelle comunità, certi che la conoscenza diretta farà uscire dalla mera logica dell’aiuto per arrivare a quella dello scambio delle reciproche ricchezze (sia materiali, sia spirituali). «Vogliamo fare della nostra agenzia un punto di riferimento importante anche per i migranti, per quanti, stranieri, risiedono in mezzo a noi e hanno bisogno periodicamente di ritornare alle loro case e di ricongiungersi con i loro familiari», sottolineano alla Duomo Viaggi. «Non mancheranno nel nostro prossimo futuro anche proposte interetniche e interreligiose perché è importante che “ambrosiani” di qualunque provenienza possano viaggiare insieme alla scoperta di radici religiose comuni o condivisibili». Dal 18 aprile 1969 a oggi, Duomo Viaggi e Turismo ha accompagnato il cammino e le stagioni della diocesi ambrosiana. Fondata da monsignor Libero Tresoldi, allora assistente generale dell’Azione Cattolica milanese e recentemente scomparso, ebbe come suo primo presidente monsignor Teresio Ferraroni, poi vescovo di Como. In quegli anni ad animarla e sostenerla era soprattutto l’Azione Cattolica finché, dagli anni Ottanta, non divennero presidenti monsignor Giovanni Saldarini, monsignor Erminio De Scalzi e monsignor Gianfranco Ravasi. La diocesi, che nel frattempo aveva dato vita all’Ufficio diocesano per la Pastorale del Turismo e dei pellegrinaggi, ne assume direttamente il controllo e da allora l’agenzia e l’Ufficio “viaggiano” in parallelo nel sostenere e promuovere il pellegrinaggio e il turismo religioso delle parrocchie.In tutti questi anni, grazie all’aiuto dei presidenti biblisti e di appassionati come don Paolo Acquistapace o don Romeo Maggioni, la Duomo Viaggi ha innovato itinerari e modalità di realizzazione e partecipazione ai pellegrinaggi nelle terre della Bibbia e ora il suo catalogo prevede ben 14 itinerati tematici.Accanto alla Terra Santa, l’altra meta che ha segnato e continua a caratterizzare l’attività dell’agenzia è Lourdes. Infatti l’origine lontana della Duomo Viaggi è un comitato storico, ancora esistente, che è il “Pro Palestina e Lourdes”, fondato nel 1905 e il cui attuale presidente è monsignor De Scalzi. La partecipazione al flusso dei pellegrini di Lourdes è sempre stata caratterizzata dall’aspetto comunitario, parrocchiale, dei pellegrinaggi; si è cercato di stimolare le singole comunità a prendersi cura dei loro ammalati. In questo compito aiuta molto il Cvs (Centro volontari della sofferenza) che quotidianamente nelle parrocchie sostiene l’animazione pastorale dei sofferenti.In questi 40 anni Duomo Viaggi ha accompagnato oltre 500 mila ambrosiani sulle strade del mondo per vivere appieno l’esperienza del pellegrinaggio e recuperare una dimensione spirituale della propria umanità. Se poi consideriamo le occasioni straordinarie, come i giubilei, le visite a Roma per ringraziamenti o beatificazioni, il numero di coloro che hanno viaggiato con Duomo Viaggi supera abbondantemente il milione.Oggi il presidente è don Roberto Davanzo, direttore della Caritas Ambrosiana, e questo aiuta a individuare nuovi compiti e impegni. Innanzitutto porta ad avere una particolare attenzione per il mondo missionario e verso i Paesi poveri. La Duomo Viaggi ha individuato alcuni itinerari per andare a vedere “l’altro mondo in un altro modo”. In Zambia, in Camerun, il Perù, in Cina, ovunque sono presenti missionari e fidei donum stimolerà viaggi di solidarietà e di gemellaggio tra le parrocchie ambrosiane e quelle comunità, certi che la conoscenza diretta farà uscire dalla mera logica dell’aiuto per arrivare a quella dello scambio delle reciproche ricchezze (sia materiali, sia spirituali). «Vogliamo fare della nostra agenzia un punto di riferimento importante anche per i migranti, per quanti, stranieri, risiedono in mezzo a noi e hanno bisogno periodicamente di ritornare alle loro case e di ricongiungersi con i loro familiari», sottolineano alla Duomo Viaggi. «Non mancheranno nel nostro prossimo futuro anche proposte interetniche e interreligiose perché è importante che “ambrosiani” di qualunque provenienza possano viaggiare insieme alla scoperta di radici religiose comuni o condivisibili».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi