Ritiri spirituali in preparazione alla prima Comunione

Carlo ROSSI
Redazione

In aprile, maggio e giugno in moltissime parrocchie si celebra la Messa Solenne di Prima Comunione. Questo fatto coinvolge moltissimo tutti gli animatori della parrocchia: sacerdoti, suore, catechisti, responsabili dell’oratorio e della liturgia e soprattutto i genitori, i parenti e gli amici.
La Villa Sacro Cuore di Triuggio si inserisce delicatamente in questo intenso lavoro pastorale, accogliendo ragazzi e genitori per un ritiro spirituale di preparazione. Le molte parrocchie e i numerosi oratori che si sono già iscritti assicurano la validità dell’iniziativa.
Il programma normale prevede una presenza dalla 9.30 alle 14.30, oppure dalle 16 alle 21, con particolari da stabilire con i sacerdoti e le suore. Dopo l’accoglienza i genitori hanno un momento formativo apposito, mentre i ragazzi svolgono una serie di giochi catechistici e di iniziative che stimolano gioiosamente la loro presa di coscienza. C’è anche uno spazio per le confessioni e, al centro, c’è la messa, molto preparata e ben partecipata. Per chi ha prenotato seguono il pranzo o la cena.
L’augurio per “il giorno da non dimenticare” si serve delle parole di Papa Benedetto XVI: «Spero che anche per tutti voi la Prima Comunione sia l’inizio di una amicizia per tutta la vita con Gesù». In aprile, maggio e giugno in moltissime parrocchie si celebra la Messa Solenne di Prima Comunione. Questo fatto coinvolge moltissimo tutti gli animatori della parrocchia: sacerdoti, suore, catechisti, responsabili dell’oratorio e della liturgia e soprattutto i genitori, i parenti e gli amici.La Villa Sacro Cuore di Triuggio si inserisce delicatamente in questo intenso lavoro pastorale, accogliendo ragazzi e genitori per un ritiro spirituale di preparazione. Le molte parrocchie e i numerosi oratori che si sono già iscritti assicurano la validità dell’iniziativa.Il programma normale prevede una presenza dalla 9.30 alle 14.30, oppure dalle 16 alle 21, con particolari da stabilire con i sacerdoti e le suore. Dopo l’accoglienza i genitori hanno un momento formativo apposito, mentre i ragazzi svolgono una serie di giochi catechistici e di iniziative che stimolano gioiosamente la loro presa di coscienza. C’è anche uno spazio per le confessioni e, al centro, c’è la messa, molto preparata e ben partecipata. Per chi ha prenotato seguono il pranzo o la cena.L’augurio per “il giorno da non dimenticare” si serve delle parole di Papa Benedetto XVI: «Spero che anche per tutti voi la Prima Comunione sia l’inizio di una amicizia per tutta la vita con Gesù».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi