In vista della Giornata mondiale di domenica 13 aprile, venerdì 11, a Lissone, la veglia diocesana con l'Arcivescovo sul tema "Corro per la via del tuo amore"


Redazione

03/04/2008

di Ylenia SPINELLI

“Corro per la via del tuo amore”. È questo lo slogan scelto per la Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni di domenica 13 aprile e anche per la veglia diocesana con l’Arcivescovo in programma venerdì 11 aprile alle 20.45, a Lissone, presso la parrocchia di Santa Maria Assunta. La frase riprende un versetto del Salmo 118, che recita: «Corro per la via dei tuoi comandamenti, perché hai dilatato il mio cuore».

In una società sempre più frenetica, dove anche le relazioni interpersonali si consumano in fretta, sembrerebbe appropriata la scelta del verbo “correre”: qui però si tratta di un’altra corsa. È l’entusiasmo di chi scopre che tutta la propria vita, nella quale ha fatto irruzione Dio stesso, diventa una risposta al suo grande amore.

Durante la veglia diocesana verranno sviluppati alcuni momenti di riflessione, il primo dei quali sarà legato al cuore che si dilata e impara ad amare, con la testimonianza di una famiglia. «Da questo amore nasce una corsa speciale – spiega don Alberto Colombo, che dirige il Centro Diocesano Vocazioni -. Quella di chi non si accontenta della propria mediocrità, di chi non si ferma a piangere sulle proprie miserie, di chi non resta con le mani in mano davanti ai bisogni degli altri, quella di chi sa che il tempo è prezioso, non tanto per un vantaggio personale, ma perché ci si appassiona alla missione stessa della Chiesa».

La via su cui si corre è quella «dei tuoi comandamenti», ovvero della Parola di Dio. È la strada delle beatitudini, della missionarietà e del servizio, di chi impara ad amare ogni giorno, perché ha come modello Gesù.

Ecco che allora venerdì sera un altro momento di riflessione sarà sviluppato con la testimonianza diretta di una novizia delle suore Misericordine, di un seminarista dei Saveriani e di un diacono, don Davide Galimberti, della parrocchia centrale di Desio, che sarà ordinato a giugno. In questa occasione verrà anche eseguito il canto vocazionale Terra buona per te, composto in diocesi da Luca Diliberto.

Al termine, a ciascun partecipante verrà consegnato il mandato con il logo della veglia. «Verranno srotolati cinque rotoli colorati, a partire dall’icona di Gesù posta al centro della chiesa – anticipa don Alberto – e verranno distribuiti tanti pezzettini a tutti i presenti». Questo sarà solo uno dei momenti coreografici, pensati soprattutto per coinvolgere i più giovani, e tante altre saranno le sorprese durante la veglia.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi