Sirio 22-29 febbraio 2024
Share

7 maggio

Padre Sorge e i danni del populismo

All’Auditorium Clerici il gesuita presenta il suo ultimo libro, scritto insieme a Chiara Tintori. Intervengono Gad Lerner e Anna Scavuzzo

30 Aprile 2019

«L’equivoco di fondo del populismo sta nel ritenere che la maggioranza parlamentare si identifichi con il popolo tutto intero, legittimando il comportamento trasgressivo dei leader eletti, che ambiscono a conquistare spazi di potere sempre maggiore. Occorre prendere posizione con coraggio su una serie di sintomi, espliciti indicatori di un cancro della nostra democrazia». Parole di Bartolomeo Sorge, il padre gesuita che ha appena dato alle stampe il libro Perché il populismo fa male al popolo (Edizioni Terra Santa, 128 pagine, 14 euro), scritto insieme alla politologa Chiara Tintori, che sarà presentato – a cura delle Edizioni Terra Santa e dellle Acli milanesi – martedì 7 maggio alle 18, presso l’Auditorium Clerici (via della Signora 3, Milano).

Dopo i saluti di Paolo Petracca, presidente delle Acli milanesi, insieme a padre Sorge e a Chiara Tintori intervengono il giornalista Gad Lerner e Anna Scavuzzo, vicesindaco di Milano.

 

Leggi anche

In libreria
Bartolomeo Sorge

Sorge: la buona politica è l’antidoto ai sovranismi

In «Perché il populismo fa male al popolo» il gesuita e Chiara Tintori illustrano origini, caratteristiche, pericoli e rimedi a un fenomeno che ormai caratterizza l’intera Europa

di Giuseppe CAFFULLI