Impediti cortei e manifestazione, gli aderenti si incontreranno sulla piazza virtuale costituita dal sito 25aprile2020.it e rilanceranno i messaggi sui propri profili social. Raccolta fondi a favore di Caritas e Croce Rossa

io resto libero

Saranno devoluti alla Caritas e alla Croce Rossa Italiana i fondi raccolti da “io resto libero”, la prima Festa della Liberazione della storia repubblicana che si festeggerà in streaming a causa del Coronavirus. L’iniziativa è stata promossa da un comitato del quale fa parte anche Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, ma ha incontrato subito il favore di oltre 1400 personaggi del mondo della cultura, del cinema, del giornalismo e del terzo settore.

«Quest’anno, nel settantacinquesimo anniversario della Liberazione, abbiamo bisogno più che mai di celebrare la nostra libertà – si legge nell’appello che i promotori hanno firmato -. In un momento in cui siamo costretti all’isolamento per combattere un nemico invisibile, in cui la distanza sociale ci rende un po’ più soli, possiamo e dobbiamo stringerci e sostenerci. Vogliamo riconoscerci gli uni negli altri, tornare a guardare al futuro con speranza e coraggio, e soprattutto ricordarci che una volta passata questa tempesta saremo chiamati a ricostruire un mondo più giusto, più equo, più sostenibile. Mai come in questa occasione ci è chiaro che occorre porre fine a tutte le guerre fratricide per unirci tutti nell’unica lotta contro i tre nemici comuni: il virus, il riscaldamento del pianeta e le disuguaglianze socio-economiche»

Aboliti per ragioni sanitarie i cortei, i manifestanti si incontreranno in una piazza virtuale collegandosi ognuno dalla propria abitazione sul sito 25aprile2020.it alle 11 di sabato 25 aprile e rilanceranno i messaggi sui propri profili social con l’’hashtag #iorestolibero e #25aprile2020.

Nel frattempo è però già partita una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe che promette di arrivare a 300 mila euro. La cifra raccolta sarà destinata a Caritas Italiana e Croce Rossa Italiana affinché utilizzino le risorse per fornire aiuto a quanti non hanno un tetto o un pasto garantito.

Molte le personalità che hanno già aderito. Dal mondo del giornalismo: i direttori dei principali quotidiani italiani Marco Tarquinio (Avvenire), Luciano Fontana (Corriere della Sera), Marco Travaglio (Fatto Quotidiano), Norma Rangeri (Il Manifesto), Maurizio Molinari (La Stampa), il fondatore di Repubblica Eugenio Scafari, Ezio Mauro e il direttore Carlo Verdelli. Diversi gli scrittori, da Alessandro Baricco a Gianrico Carofiglio, da Dacia Maraini a Nicola Lagioia, editori come Elisabetta Sgarbi e Antonio Sellerio, economisti come Lucrezia Reichlin. Tra i religiosi il direttore di Civiltà cattolica padre Antonio Spadaro. E poi ancora il costituzionalista Gustavo Zagrebelsky. Tantissima musica – Vasco Rossi, Jovanotti, Luciano Ligabue, Tiziano Ferro, Adriano Celentano, Orietta Berti, Iva Zanicchi tra gli altri – e molto cinema: da Gabriele Salvatores a Roberto Andò. Per il mondo della televisione sottoscrivono l’appello anche Fabio Fazio, Giovanni Floris, Amadeus, Gerry Scotti, Ezio Greggio e Michelle Hunziker. E non mancano i grandi chef, come Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco e Cesare Battisti. Tra le firme c’è poi Carla Nespolo, prima donna e prima non partigiana a guidare l’Anpi.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi