A Milano e in contemporanea in altre città viene illustrata la ricerca che analizza i flussi migratori nel nostro Paese e approfondisce alcuni aspetti specifici, come l'inserimento socio-culturale e il contributo lavorativo


Redazione

Mercoledì 28 ottobre sarà presentato a Milano – e in contemporanea a Roma e in altre città italiane – il “Dossier statistico immigrazione 2009”, uno degli studi più approfonditi sul fenomeno migratorio, giunto alla 19esima edizione. Nel capoluogo lombardo sarà illustrato nell’ambito di un convegno dedicato al rapporto tra italiani e stranieri che prenderà spunto dal comunicato sull’immigrazione uscito quest’estate al termine della Conferenza episcopale lombarda.
L’incontro si svolgerà dalle 9 alle 13 al Cinema Teatro San Carlo, in via Morozzo della Rocca, 12 a Milano. Dopo i saluti di monsignor Luigi Testore, presidente della Caritas aAmbrosiana, interverrà proprio sul documento dei vescovi lombardi don Giancarlo Quadri, responsabile dell’Ufficio per la Pastorale dei Migranti della diocesi milanese. Il sociologo Vincenzo Cesareo, segretario della Fondazione Ismu, affronterà il tema dell’integrazione degli immigrati. Seguiranno un intervento dal titolo “Cronaca nera e immigrazione: la parola alla difesa”, del giornalista e scrittore Piero Colaprico, e due testimonianze di immigrati. La presentazione del “Dossier” sarà affidata al ricercatore Luca Di Sciullo, mentre Meri Salati, responsabile del Centro studi di Caritas Ambrosiana, analizzerà il contesto lombardo. Concluderà il direttore don Roberto Davanzo.
Il “Dossier” è curato da Caritas e Fondazione Migrantes. La pubblicazione, edita da Idos, fornisce in 512 pagine suddivise in 50 capitoli un’analisi dei flussi migratori in Italia e in ogni singola regione del Paese, inquadrando il fenomeno all’interno del contesto europeo ed internazionale. Oltre a fornire una considerevole mole di dati quantitativi il volume approfondisce in particolare alcuni aspetti specifici, come l’inserimento socio-culturale degli stranieri, il loro contributo nel mondo del lavoro. Mercoledì 28 ottobre sarà presentato a Milano – e in contemporanea a Roma e in altre città italiane – il “Dossier statistico immigrazione 2009”, uno degli studi più approfonditi sul fenomeno migratorio, giunto alla 19esima edizione. Nel capoluogo lombardo sarà illustrato nell’ambito di un convegno dedicato al rapporto tra italiani e stranieri che prenderà spunto dal comunicato sull’immigrazione uscito quest’estate al termine della Conferenza episcopale lombarda.L’incontro si svolgerà dalle 9 alle 13 al Cinema Teatro San Carlo, in via Morozzo della Rocca, 12 a Milano. Dopo i saluti di monsignor Luigi Testore, presidente della Caritas aAmbrosiana, interverrà proprio sul documento dei vescovi lombardi don Giancarlo Quadri, responsabile dell’Ufficio per la Pastorale dei Migranti della diocesi milanese. Il sociologo Vincenzo Cesareo, segretario della Fondazione Ismu, affronterà il tema dell’integrazione degli immigrati. Seguiranno un intervento dal titolo “Cronaca nera e immigrazione: la parola alla difesa”, del giornalista e scrittore Piero Colaprico, e due testimonianze di immigrati. La presentazione del “Dossier” sarà affidata al ricercatore Luca Di Sciullo, mentre Meri Salati, responsabile del Centro studi di Caritas Ambrosiana, analizzerà il contesto lombardo. Concluderà il direttore don Roberto Davanzo.Il “Dossier” è curato da Caritas e Fondazione Migrantes. La pubblicazione, edita da Idos, fornisce in 512 pagine suddivise in 50 capitoli un’analisi dei flussi migratori in Italia e in ogni singola regione del Paese, inquadrando il fenomeno all’interno del contesto europeo ed internazionale. Oltre a fornire una considerevole mole di dati quantitativi il volume approfondisce in particolare alcuni aspetti specifici, come l’inserimento socio-culturale degli stranieri, il loro contributo nel mondo del lavoro.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi