Sirio 20 -25 maggio 2024
Share

Proposta

Cinema senza confini per l’Ottobre missionario

Grazie a un’iniziativa di Acec e Coe, le Sale della Comunità possono inserire nella loro programmazione quattro opere selezionate dall’ultimo Festival del Cinema Africano, dell’Asia e dell’America Latina. In allegato le schede delle pellicole

di Gabriele LINGIARDI

13 Settembre 2019
Una scena di “Une saison en France”

Il meglio del “world cinema”, film senza confini di luogo o lingua, arriva nelle Sale della Comunità grazie alla partnership tra Acec (Associazione Cattolica Esercenti Cinema) e la Fondazione Coe (Centro Orientamento Educativo). Le Sale che lo desiderano potranno proiettare quattro opere selezionate dal meglio del Festival del Cinema Africano, dell’Asia e dell’America Latina, svoltosi a Milano tra il 23 e il 31 marzo scorso, su organizzazione dello stesso Coe.

Una proposta per viaggiare all’interno di cinematografie meno conosciute e arricchirsi grazie a storie profonde e non banali. Ma non è tutto: l’iniziativa si inserisce in linea con il “Mese Missionario Straordinario” voluto da papa Francesco per l’ottobre 2019: un periodo di preghiera e riflessione sulla missio ad gentes a cui sono chiamate tutte le comunità.

Tra i titoli proposti spicca Une saison en France, una produzione del Ciad: Abbas ha lasciato il suo villaggio nell’Africa per costruirsi una vita in Francia; manda a scuola i figli, si innamora di Carole; ma il loro destino è legato all’accettazione della sua richiesta di asilo e tutta la sua vita potrebbe crollare da un momento all’altro. Un’opera di qualità fortemente raccomandata.

Anche altri film possono essere proiettati: Wallay acconta di Andy, 13 anni, cresciuto in Francia e mandato dal padre in vacanza dai parenti in Burkina Faso. Un’esperienza che gli farà scoprire che la sua famiglia e l’Africa sono diversi da come si immaginava.

Yommedine è un film che arriva dall’Egitto: un viaggio on the road che, con tono leggero, ci parla di miseria, tabù religiosi ed esclusione.

Gli eventi di Ma révolution prendono invece le mosse dagli echi della Primavera Araba a Parigi: una commedia attuale e graffiante su un ragazzo che, per puro caso, finisce per diventare un simbolo rivoluzionario.

Chi fosse interessato può approfondire i contenuti dei film grazie alle schede di approfondimento appositamente redatte per la selezione delle Sale della Comunità (in allegato).

Le Sale interessate a programmare i film in catalogo possono prendere contatto con l’ufficio Itl Cinema scrivendo all’indirizzo email cinema@chiesadimilano.it