15219972_10154826220632491_6043290222160536007_n

La Sezione Università del Servizio per i Giovanie l’Università si avvale della Consulta Diocesana per la Pastorale Universitaria che è così regolamentata:

1. Finalità della Consulta
La Consulta si propone di:
a) conoscere il mondo universitario;
b) offrire, attraverso gli appositi organismi, possibilità di accoglienza e di formazione per gli studenti, con una particolare attenzione ai fuori sede;
c) promuovere opportune iniziative formative e di approfondimento della fede ai docenti e al personale non docente;
d) essere luogo di confronto per le realtà ecclesiali e di ispirazione cristiana impegnate nel mondo universitario;
e) progettare e sostenere iniziative di carattere diocesano;
f) sensibilizzare le comunità parrocchiali, in collaborazione con gli organismi della pastorale giovanile, a incominciare da quelle più coinvolte dalla presenza di studenti e di strutture universitarie.

2. Composizione della Consulta
Nella Consulta Diocesana per la Pastorale Universitaria “sono rappresentati le cappellanie universitarie, le associazioni e i movimenti del settore, i pensionati e i collegi universitari, in vista di un coordinamento delle loro attività” (cost. 559, § 2, a). La Consulta diocesana per la pastorale universitaria, presieduta dal Vicario episcopale per l’Evangelizzazione e i Sacramenti e coordinata operativamente dal Responsabile della Sezione Università (che convoca le riunioni e ne è Segretario), comprende pertanto rappresentanti: delle Cappellanie e dei Centri di pastorale universitaria, dei Pensionati e dei Collegi universitari, delle associazioni e dei movimenti del settore (cost. 559 § 2).
La Consulta è nominata dall’Arcivescovo per la durata di un quinquennio (le integrazioni che si renderanno necessarie durante il mandato scadranno alla fine del quinquennio) e si riunisce ordinariamente due volte all’anno, in stile seminariale, per affrontare questioni nodali della realtà universitaria, quali: il rapporto tra docenti e studenti, la ricerca e la didattica, la relazione tra i diversi aspetti e il contributo alla elaborazione culturale.

3. La Commissione
La Consulta si avvale di una Commissione che ha il compito di preparare gli incontri annuali e si riunisce almeno tre volte all’anno. Partecipano alla Commissione, oltre al Vicario che la presiede e al Responsabile della Sezione Università, che ne è il coordinatore operativo (e convoca le riunioni), alcuni membri scelti dallo stesso Vicario all’interno della Consulta, in rappresentanza dei diversi ambiti: quanti operano nelle Cappellanie e nei Centri di pastorale universitaria, quanti operano nei Pensionati e nei Collegi universitari, quanti rappresentano le associazioni e i movimenti ecclesiali.

4. L’Equipe delle Cappellanie e dei Centri di Pastorale Universitaria
I Cappellani universitari, gli Incaricati di pastorale universitaria, i consacrati/e e i più stretti collaboratori delle Cappellanie e dei Centri di pastorale universitaria si riuniscono, di norma mensilmente, nella Equipe delle Cappellanie e dei Centri di pastorale universitaria, convocata e presieduta dal Responsabile della Sezione Università.
Il Vicario episcopale per l’Evangelizzazione e i Sacramenti dirime i dubbi in merito alla composizione dell’Equipe e può partecipare, quando lo desidera, agli incontri della stessa.
L’Equipe funge da costante osservatorio della vita pastorale dei diversi atenei: promuove una riflessione continua sulle dinamiche pastorali in università; confronta e verifica le iniziative intraprese nelle singole Cappellanie e nei singoli Centri rivolte a docenti, studenti e personale tecnico-amministrativo; elabora scelte comuni di carattere spirituale, pastorale e culturale; stimola la partecipazione delle diverse componenti della comunità universitaria alle proposte diocesane; studia le consonanze possibili tra il percorso pastorale della diocesi e l’ambiente accademico.

Ti potrebbero interessare anche: