Media & Tv/Media - Anno 2009

Educare alla vita buona del Vangelo

Prendendo spunto dalla parabola del seminatore il cardinal Tettamanzi accenna ai gravi problemi delle famiglie oggi. Realtà che ha conosciuto in prima persona visitando i vari Decanati della Diocesi, dove ha intercettato una serie di «terreni pietrosi». La prevenzione però è ancora possibile, ci dice. Gli oratori, in questo senso, rappresentano un ottimo antidoto contro l'accumularsi di pietre, che sotterrano i sogni giovanili

Famiglia, scuola e oratorio, “arca di Noè” per i disagi giovanili

Kidfluence,�l'immagine prima di tutto, emozioni folli e forti...�È sempre più difficile�offrire dei modelli educativi validi ai nostri ragazzi, vittime di sempre nuove dipendenze.�«Occorrono�maestri capaci di insegnare e testimoniare», dice don Vittorio, esperto di educazione, citando il salesiano don Mion, e soprattutto occorre investire sulle relazioni, come antidoto all'isolamento affettivo -

Non lasciamoli soli sulle vie del crescere

Sempre più barricati dietro i propri interessi e individualismi; ciechi davanti a ciò che ci sta vicino. I genitori chiedono risposte concrete: come vincere le sfide educative oggi? Riscoprendo la "rete", il "villaggio e puntando sulla famiglia, istituzione sempre solida, e sulle scuole materne parrocchiali per insegnare fin da piccoli la gioia dell'amore educativo. -

“Educare alla vita buona del Vangelo”

Così la Conferenza Episcopale Italiana titola i suoi orientamenti pastorali per il decennio 2010-2020. Sono pagine pensate, dedicate all'arte delicata e sublime dell'educare, che non ha avuto grande risonanza sui giornali nazionali, ma che deve averla nella nostra Chiesa, per continuare e ravvivare una tradizione che l'ha resa nel tempo, "madre e maestra" d'innumerevoli generazioni di giovani

Quando l’amore sconfigge la morte

Etty Hillesum, in campo di concentramento ad Auschwitz, meditando sulla morte così scriveva: «È l'amore, umano e divino, che sconfigge la morte a dispetto delle nazioni, delle generazioni e di tutto l'orrore del nostro tempo� Alla morte è stato dato potere su tutto quanto è finito... ma alla morte non è concesso alcun potere sull'amore. L'amore è più forte». Ci voleva del coraggio ma anche una eredità di memorie, che l'hanno preparata a questo. Non si improvvisa nulla nella vita

La deriva del senso morale

Educare la coscienza è un compito fondamentale, essenziale, che non si può assolutamente trascurare. Inizia in famiglia, fin dall'infanzia e continua nelle varie tappe del crescere. La riflessione di don Vittorio Cvhiari prende spunto da un fatto di cronaca che ha scioccato l'opinione pubblica, la tragica morte di Sarah

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi