A 115 anni dalla nascita del Beato e dello storico ente milanese cerimonia all’Umanitaria nella quale sarà conferito un premio al prefetto di Milano Luciana Lamorgese per il suo significativo impegno per la collettività e l’accoglienza

dongnocchi-Mariuccia
Don Carlo Gnocchi e l'Asilo Mariuccia

Lunedì 4 dicembre, in occasione del 115° anniversario di nascita della Fondazione Asilo Mariuccia di Milano, alle 17.30, presso la Sala degli affreschi della Società Umanitaria di Milano (via San Barnaba 48), si terrà una cerimonia durante la quale verrà conferito il Premio 2017 “Asilo Mariuccia” (“Il Sorriso”, una statuetta di bronzo realizzata dalla scultrice Stefania Scarnati) al prefetto di Milano Luciana Lamorgese, per il suo significativo impegno per la collettività e nella gestione dell’accoglienza.

Nell’occasione, la Fondazione Asilo Mariuccia ratificherà anche il proprio gemellaggio con la Fondazione Don Gnocchi, in occasione del 115° anniversario della nascita del beato don Carlo Gnocchi e dello storico Ente milanese. Le due fondazioni collaboreranno inoltre per creare sinergie e progetti concreti di aiuto alle categorie più deboli e bisognose.

Saranno presenti il presidente della Fondazione Asilo Mariuccia gen. Camillo de Milato e il presidente della Fondazione Don Gnocchi don Vincenzo Barbante, oltre a Gustavo Adolfo Cioppa, sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia, Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche Sociali e Servizi per la salute del Comune di Milano, Cristina Tajani, assessore alle Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane del Comune di Milano. La serata sarà presentata da Giusy Laganà.

«Nel suo 115° anno di vita – dichiara il presidente dell’Asilo Mariuccia Camillo De Milato -, l’Asilo Mariuccia consolida la sua opera di ente socio assistenziale con vocazione alla formazione: accogliamo per dare speranza e un futuro concreto alle nostre assistite, che trovano risposta immediata al bisogno di una casa e subito dopo iniziamo a costruire un percorso di assistenza psicologica e sanitaria, e di accompagnamento al lavoro, partendo proprio dalla loro formazione. Io, il Consiglio di Amministrazione e tutto il personale dell’Asilo Mariuccia, crediamo infatti che non vi sia dignità senza lavoro e che aiutare concretamente le mamme a ritrovare questa dignità, contribuisca a restituire loro fiducia nel futuro. E in questo siamo confortati anche dall’ultimo successo: lo scorso anno abbiamo inaugurato una nuova casa accoglienza che si è già consolidata come realtà di eccellenza».

«Questo 115° anniversario, di particolare importanza nella storia di due enti radicati nel cuore dei milanesi e non solo – afferma don Vincenzo Barbante, presidente della Fondazione Don Gnocchi -, non può essere che di buon auspicio al gemellaggio che andremo a sancire. La mission delle due Fondazioni ha molti tratti e valori comuni, magari diversi i modi per realizzarla, ma con un unico scopo: salvaguardare la dignità, la salute, la vita delle persone che soffrono, le più fragili, attraverso l’assistenza, la cura, la riabilitazione, utilizzando anche le soluzioni più innovative che la ricerca scientifica, molto sviluppata nei nostri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Milano e Firenze, ci offre. Da quasi 70 anni, infatti, la Fondazione Don Gnocchi risponde ai bisogni delle persone in difficoltà che a noi si rivolgono (circa 10mila al giorno nei 28 Centri e altrettanti ambulatori oggi attivi nel Paese), coniugando ricerca scientifica e innovazione tecnologica con i valori di solidarietà e prossimità, fedele all’insegnamento e al lascito del nostro beato fondatore don Gnocchi».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi