Sirio 22-29 febbraio 2024
Share

26 febbraio

Teresio Olivelli e la carità

Tavola rotonda a Milano sulla figura del nuovo Beato, a partire dal profilo biografico delineato nel volume «Il coraggio della fede» di Luisa Bove

21 Febbraio 2018

Lunedì 26 febbraio, alle 18, presso la Fondazione Pasquinelli (corso Magenta 42, Milano), tavola rotonda sul tema «C’è ancora posto per la carità?» a partire dalla figura del beato Teresio Olivelli, raccontata nel volume «Il coraggio della fede» di Luisa Bove, edito da In Dialogo (112 pagine, 12 euro).

Una biografia di Olivelli, beatificato solennemente a Vigevano, la sua diocesi, il 3 febbraio 2018. Le vicende della vita di questo giovane, morto in campo di concentramento nel 1945 a soli 29 anni, si dipana in modo vivace e appassionato e ci restituisce l’immagine di una persona piena di vita, sempre impegnato in “imprese impossibili” e desideroso di cambiare il mondo in cui vive sull’esempio del Vangelo.

Oltre all’autrice intervengono Silvia Landra (presidente dell’Azione cattolica ambrosiana e direttrice di Casa della carità) e monsignor Angelo Bazzari (Fondazione Don Gnocchi). Un breve saluto anche di Claudio Gario (Associazione nazionale alpini) e di Silvana Tondi (presidente della San Vincenzo di Milano).

Leggi anche

Vigevano
Beatificazione Teresio Olivelli

Olivelli beato: Amato, «difensore dei deboli e oppressi sino al dono della vita»

Sabato 3 febbraio nel palasport il rito di beatificazione del venerabile Teresio Olivelli. Oltre 3500 i presenti. Il rito presieduto dal prefetto della Congregazione per le cause dei santi. Ha concelebrato mons. Delpini

3 febbraio
OLIVELLI giusto AUREOLA 2 Cropped

Olivelli, il ribelle per amore alla gloria degli altari

Nella tragedia della Seconda guerra mondiale offrì una limpida testimonianza di fede, sfociata nel martirio in un lager tedesco. A Vigevano la beatificazione (tra i concelebranti monsignor Delpini, diretta tv, radio e web)

di Marco RONCALLI

Il personaggio
Teresio_Olivelli

Teresio Olivelli e i suoi rapporti con Milano

In città il futuro beato si impegnò nella Resistenza, fu arrestato e recluso a San Vittore, da cui poi iniziò la deportazione nei lager

di Luisa BOVE