Share

Volontariato

Povertà alimentare, Arché promuove il nuovo progetto Humus

A Milano in via Lessona 70 la Fondazione riceve, acquista e immagazzina gli alimenti messi a disposizione da associazioni e privati, distribuendoli poi a più di duemila persone

20 Febbraio 2023
I volontari della Fondazione Archè

Raccogliere e distribuire alimenti alle famiglie in difficoltà di Milano. È il cuore di «Humus», il nuovo progetto di Fondazione Arché che vuole dare risposta a uno dei più evidenti strascichi sociali lasciati dalla pandemia: l’impoverimento generalizzato che si traduce in una sempre più diffusa povertà alimentare.

Sono aumentate le famiglie e i single, infatti, che hanno fatto domanda per ricevere gli aiuti messi a disposizione da enti pubblici e realtà del Terzo Settore. Proprio a loro si rivolge «Humus», il progetto con cui Fondazione Arché si è appena aggiudicata il quarto dispositivo dell’area Food Policy del Comune di Milano.

Nelle intenzioni dei proponenti il sostegno alimentare andrà a beneficio di circa settecento nuclei famigliari, per un totale di quasi 2100 persone residenti in vari quartieri della città: oltre alle famiglie già affiancate da Arché negli appartamenti e nelle comunità Casa Carla e Casa Adriana, ci sono anche le tante persone che fanno riferimento al Comitato Inquilini di Via Cogne, al Comitato Inquilini di Zoagli-Cittadini e di San Siro.

Alcuni volontari della Fondazione Archè durante una delle iniziative

Gli alimenti sono messi a disposizione da Quartieri Tranquilli con Illuminiamo Le Tavole, Banco Alimentare, Coop Lombardia e sono immagazzinati nello spazio di via Lessona 70, a pochi passi dalla sede di Arché.

Qui le realtà coinvolte, una volta a settimana, riceveranno i pacchi o le tessere alimentari da distribuire alle persone già affiancate.

Il progetto «Humus» è l’esito di un impegno contro la povertà alimentare che per Fondazione Arché dura da anni. In totale, nel solo 2022, sono stati già 2870 i colli raccolti e distribuiti.

«Alle difficoltà economiche di molte famiglie, rese ancor più gravi dall’aumento delle materie prime, dal gas e dall’elettricità, il sostegno alimentare assicurato da Humus è una risposta che coinvolge una fascia consistente di persone», dichiara padre Giuseppe Bettoni, presidente e fondatore di Fondazione Arché, che aggiunge: «Il progetto Humus mostra come il lavoro di rete tra realtà diverse, profit e non profit, che insieme collaborano e mettono a disposizione le proprie energie per il bene comune, sia un modo per rendere più coesa e inclusiva una città come Milano».

Fondazione Arché

Fondata nel 1991 da padre Giuseppe Bettoni, Fondazione Arché Onlus si prende cura di bambini e famiglie vulnerabili nella costruzione dell’autonomia sociale, abitativa e lavorativa offrendo servizi di supporto e cura a Milano, a Roma e a San Benedetto del Tronto.

A Milano, attraverso Casa Carla a Porta Venezia e Casa Adriana a Quarto Oggiaro, e a Roma, attraverso Casa Marzia, ospita mamme e bambini con problematiche legate a maltrattamenti, immigrazione, disagio sociale e fragilità personale e offre alloggio temporaneo a nuclei familiari in difficoltà attraverso i suoi appartamenti.