Sirio 20 -25 maggio 2024
Share

Cura

Neurofibromatosi, una malattia dalla gestione complessa

Si tratta di una patologia genetica rara, che causa la crescita di neoformazioni sui nervi. In Italia si stimano più di 20 mila pazienti, il cui supporto è offerto da associazioni come ANF

di Valentina Salvo

16 Maggio 2024
Foto di Matheus Ferrero su Unsplash

Maggio è il mese dedicato alle Neurofibromatosi, un gruppo di patologie genetiche rare, accomunate dalla crescita di neoformazioni a livello dei nervi. La forma più comune di questa malattia è la Neurofibromatosi 1 (NF1) di cui si conta esistano oltre 20 mila malati in Italia.

Le persone che soffrono di questa condizione dagli esiti incerti vivono, ogni giorno, nell’inconsapevolezza di quale sarà il loro percorso di vita, perché non esiste un caso uguale ad un altro e non vi è una prevedibilità terapeutica.

La Neurofibromatosi è una patologia che, spesso, viene diagnosticata in età infantile, dal pediatra o dal dermatologo, e necessita dell’attenzione di un numero variabile di professionisti che non sempre sono localizzati presso la stessa struttura. La patologia può essere ereditata da uno dei genitori, ma esistono anche casi spontanei che si verificano senza nessuna familiarità.

A Milano, il centro di riferimento per Neurofibromatosi è l’Istituto Carlo Besta, ma molti pazienti sono curati anche presso l’Istituto dei tumori. Le esigenze sono spesso di natura oncologica e anche il rischio di sviluppare forme maligne non è infrequente. «Non sempre i pazienti sono seguiti presso Centri di riferimento e presentano co-morbilità oculistiche, ortopediche, cardiologiche ed endocrinologiche misconosciute», spiega la dottoressa Anna Colombetti, responsabile della Struttura dipartimentale di Laser terapia della Fondazione Irccs Istituto nazionale dei tumori. «Inoltre, non sempre vengono seguiti per la diagnosi precoce di alcune neoplasie maggiormente frequenti: i carcinomi mammari, quelli tiroidei e del sistema nervoso periferico e centrale».

Per le famiglie dei bambini che soffrono di questa condizione e per gli adulti che devono gestirla, le problematiche non sono esclusivamente connesse ai risvolti clinici. Non tutte le regioni dispongono di strutture per la presa in carico e spesso i pazienti sono impegnati in lunghi ed estenuanti spostamenti: il fenomeno del turismo sanitario è un onere ulteriore, in termini di spesa e qualità della vita, che grava sui pazienti. La diagnosi di una patologia rara, a carattere genetico, con risvolti oncologici è un macigno con cui la famiglia del piccolo paziente è destinata a scontrarsi repentinamente e senza difese. «Il problema principale quando si tratta di casi non ereditari è la difficoltà al momento della diagnosi. Negli ultimi anni, la maggiore attenzione nei confronti delle malattie rare ha portato a un aumento delle diagnosi precoci e le famiglie si sentono meno sole. Nei casi ereditari, la consapevolezza è maggiore e prevale la solidarietà, anche se rimane spesso difficile l’accettazione della malattia», aggiunge la dottoressa Colombetti.

Intorno ai pazienti con Neurofibromatosi spesso si attivano reti di supporto psicologico gestite dalle strutture ospedaliere e dagli ambulatori dove avviene la presa in carico. «L’équipe medica e infermieristica dell’Istituto si avvale della collaborazione di associazioni di volontariato che guidano i pazienti nel loro percorso di cura. Si cerca di andare incontro alle esigenze dei malati che provengono da altre regioni per gestire il periodo di ricovero e l’eventuale presenza dei congiunti del paziente».

In Italia, la Neurofibromatosi è rappresentata anche da alcune associazioni rappresentative dei pazienti, che danno supporto e orientamento ai malati e ai loro caregiver, rispondendo alle prime domande e diffondendo gli aggiornamenti relativi alla ricerca e agli avanzamenti scientifici in materia.

Una di queste Associazioni, che opera in tutta Italia tramite volontari e sezioni regionali, è Anf Associazione per la Neurofibromatosi (www.neurofibromatosi.it). Anf dispone di un proprio Comitato scientifico per l’analisi e il monitoraggio della ricerca in campo medico, collabora con il Children’s Tumor Foundation e nel 2001 ha richiesto e ottenuto dal Ministero della Salute l’esenzione dal ticket sanitario per i pazienti con Neurofibromatosi.

Leggi anche

Bosisio Parini
giornata_mondiale_malattie_rare_2022_news

Malattie rare, un processo per prendere in carico tutta la famiglia

In occasione della Giornata mondiale, sabato 2 marzo La Nostra Famiglia promuove una giornata all'insegna della divulgazione. Due donne raccontano il percorso di vita realizzato malgrado le patologie da cui sono affette

27 febbraio
bambini malati

Giornata mondiale delle malattie rare

Il 28 febbraio 2022 la Giornata mondiale delle malattie rare, occasione per richiamare l’attenzione sui bisogni di oltre 300 milioni di persone nel mondo

27-29 marzo
anziani

Usmi Lombardia: le malattie degenerative e chi se ne prende cura

La sfida psico-affettiva dell’anziano o del malato e di chi se ne occupa al centro della “tre giorni” a Villa Sacro Cuore di Triuggio. In allegato il programma

Sanità
Donna dovunque

Aiutare le donne straniere
a prevenire le malattie

Anche la Pastorale diocesana dei migranti collabora al progetto della Lega per la lotta contro i tumori. Anticipa don Alberto Vitali: «Siamo disponibili a presentarlo alle diverse comunità etniche». Ambulatori in via Caterina da Forlì e a Sesto San Giovanni

di Stefania CECCHETTI